Iscriviti

Facebook prepara le News video per Watch, e Youtube il tema scuro nell’app standard

Sui video si sta consumando un vero confronto tra i big della tecnologia. Facebook continua a investire nella piattaforma Watch, che si arricchirà di video news in estate, mentre YouTube introduce il tema scuro nell'app normale, e sorprese in YouTube Music.

Software e App
Pubblicato il 14 marzo 2018, alle ore 12:22

Mi piace
5
0
Facebook prepara le News video per Watch, e Youtube il tema scuro nell’app standard

Uno dei settori nei quali i big della tecnologia più si stanno sfidando, da qualche tempo, è quello dei contenuti basati sui video. In tal senso, Facebook sta investendo non poche risorse nel servizio “Facebook Watch”, lanciato per ora solo negli USA, che presto potrebbe arricchirsi anche di video quotidiani relativi alle notizie: YouTube non sta a guardare, e annuncia novità per YouTube Music e l’app standard (il tema scuro).

Facebook Watch, per ora attivo solo negli USA ove propone video di ricette, partite di baseball, documentari, e schetch comici, oltre ai video provenienti dagli account utenti e dalle Pagine (in forma di NewsFeed), potrebbe presto arricchirsi di nuovi contenuti, almeno secondo un annuncio fatto dalla stessa piattaforma social. Quest’ultima ha annunciato accordi con 10 testate, alcune tradizionali ed altre specializzate nelle pubblicazioni digitali, per la redazione di video quotidiani sulle news del giorno: i video in questione dovrebbero avere una durata di almeno 3 minuti, per un esperimento che verrà portato avanti per circa un anno. Il lancio dell’iniziativa, al netto delle modalità (non pervenute) sulle ripartizioni degli utili tra Menlo Park e i partner coinvolti, dovrebbe avvenire nel corso dell’estate, o poco oltre.

YouTube, dal canto suo, nata come piattaforma di video sharing, prosegue nella diversificazione della sua offerta, fin troppo variegata. Lo spin-off solo musicale “YouTube Music (una sorta di anti Spotify), in predicato di essere lanciato globalmente al South by Southwest Music Festival di Austin (nonostante le smentite di Google), è stato aggiornato alla versione 2.23 che, secondo il sito 9to5Google, cela diverse novità tra le righe del suo codice: nello specifico, sarebbe in arrivo il supporto all’integrazione con le TV (smart), quello alle schedine microSD come memoria per scaricare off-line le canzoni, il sistema di suggerimenti che porta chi ascolta una canzone al canale ufficiale, video o audio, dell’artista (sì da scansare l’immensa sequenza di cover più o meno riuscite), ed una modalità incognito. Al momento, YouTube Music è attivo negli USA, ove consente di ascoltare la musica inframmezzata da ads, o del tutto libera da interruzioni, grazie ad un abbonamento. 

Anche la versione normale di YouTube ha conosciuto un aggiornamento, per ora solo relativo a iOS, ma in arrivo anche su Android nei prossimi giorni, che introduce – dopo i passati avvistamenti – il tanto ambito tema scuro (dark), molto utile per la fruizione nelle ore serali/notturne, e per risparmiare energia nei device provvisti di schermi AMOLED. Tale feature, non attiva di default, va selezionata manualmente, accedendo alle impostazioni tramite l’icona dell’account personale. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Senza troppi giri di parole, YouTube deve iniziare a razionalizzare la sua offerta in tema di app e servizi. Tra YouTube Red, YouTube Music, Play Music (sempre di Google), YouTube TV, YouTube Go, ed il futuro YouTube Plus/Premiere, la situazione inizia a diventare un tantino caotica. Questo per usare un'eufemismo. Ha poco senso, quindi, innovare questa o quell'app, come visto in sede di articolo, se poi l'utenza generale non sa a quale app rivolgersi per il contenuto che predilige. Diverso il discorso per Facebook che, nel suo tentativo di diventare una media company, è ancora poco "frastagliata": Watch, in fondo, è poco più di un esperimento.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!