Iscriviti

Aggiornamento Firefox blocca gli ad tracker di default e il tracciamento utenti

Mozilla Firefox, sulle prossime versioni, introdurrà il blocco del tracciamento utenti come impostazione predefinita. In questo modo, anche gli annunci pubblicitari non "spieranno" le attività online.

Software e App
Pubblicato il 3 settembre 2018, alle ore 16:42

Mi piace
4
0
Aggiornamento Firefox blocca gli ad tracker di default e il tracciamento utenti

Mozilla ha annunciato un piano per modificare i controlli sulla privacy di Firefox in modo che i tracker pubblicitari (detti anche ad tracker) vengano bloccati per impostazione predefinita. I tracker, si dice spesso, compromettono la privacy e hanno un grande impatto negativo sulle prestazioni, eppure gli sviluppatori dei browser spesso sembrano incapaci di attivare i blocchi.

L’ad tracker è un fenomeno che ha spinto un numero crescente di utenti che navigano su Internet a utilizzare gli adblocker e i plug-in per la privacy, ma molti di questi hanno interessi commerciali propri che consentono ad alcuni sistemi pubblicitari di continuare le loro attività. Ha certamente senso eseguire il controllo degli annunci all’interno del browser stesso, ma questo non è offerto da tutti i browser e, in questo caso, di solito non è attivato per impostazione predefinita.

L’aggiornamento di Firefox

Le versioni future di Firefox presuppongono che l’utente desideri attivare i controlli di tracciamento, a partire dalla versione 63 di settembre che bloccherà automaticamente i tracker che influiscono negativamente sulle velocità di caricamento della pagina. Dalla versione 65 di gennaio, lo stesso si applica ai tracker cross-site, una tecnica di spionaggio che gli inserzionisti usano per “seguire” gli utenti da un sito all’altro mentre creano profili basati sulla loro attività.

Firefox ha offerto una protezione dal tracciamento dopo la revisione Quantum dello scorso novembre e, per impostazione predefinita, sui suoi prodotti mobili da aprile, il che significa che da Firefox 65, questa impostazione diventerà predefinita per tutte le versioni. Firefox bloccherà (o tenterà di bloccare) il modo in cui gli inserzionisti digitalizzano i computer degli utenti durante la navigazione utilizzando il tracciamento cross-device.

Ciò avviene tramite i metadati di polling associati al computer di ciascun utente, ad esempio l’indirizzo IP, il fuso orario, la versione del sistema operativo, la risoluzione dello schermo e la lingua predefinita. Può anche vedere quali versioni del software sono installate su un dispositivo, il che – insieme ai dati precedenti – offre un’impronta digitale univoca per quel dispositivo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesco Menna

Francesco Menna - Effettivamente, sapere che tutto ciò che facciamo può essere rintracciato, fino ad arrivare direttamente fuori la porta di casa nostra, è semplicemente inquietante. Vero è che spesso si può usare questa tecnologia per scovare i criminali informatici, però abusarne è un discorso del tutto diverso. Considerando che simpatizzo già per Firefox, questo aggiornamento potrà solo essere positivo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!