Iscriviti

Vaccini Covid-19, Ema: "Miocardite e pericardite tra gli effetti collaterali del Novavax"

Secondo l'agenzia europea per i medicinali il vaccino contro il Covid "Novavax", seppur in una percentuale piuttosto bassa, potrebbe causare miocardite e pericardite.

Salute
Pubblicato il 5 agosto 2022, alle ore 11:30

Mi piace
0
0
Vaccini Covid-19, Ema: "Miocardite e pericardite tra gli effetti collaterali del Novavax"

Ascolta questo articolo

Il vaccino Novavax è stato immesso sul mercato con l’obbiettivo di convincere i più scettici a vaccinarsi contro il Covid-19. Il nuovo tipo di vaccino, sviluppato appunto dalla Novavax, si basa sulla tecnologia delle proteine ricombinanti, come quello già in uso contro l’epatite B e il papilloma virus, e che quindi avrebbe dovuto convincere gli scettici della tecnologia a RNA messaggero (mRNA) a difendersi contro il SARS-CoV-2.

Il Novavax però, come svelato dagli esperti nel primo periodo della sua inoculazione in Italia, non ha comunque portato la gente a vaccinarsi. Secondo un articolo del 9 marzo de “Il Sole 24 Ore”, in quel periodo sono arrivato all’incirca 1 milioni e 23mila dosi consegnate nel nostro paese, registrando però solamente 10.669 mila somministrazioni.

Le ultime notizie sul Novavax

I numeri sono continuati a rimanere bassi con il tempo, ma sicuramente con le ultime notizie legate al Novavax la situazione potrà soltanto che peggiorare. Infatti secondo l’Ema, l’agenzia europea per i medicinali, le miocarditi e pericarditi potrebbero essere tra gli effetti collaterali del Nuvaxovid.

Questa notizia viene riportata anche da AdnKronos: “L’Agenzia europea del farmaco Ema rileva un possibile nesso tra il vaccino anti-Covid di Novavax, Nuvaxovid*, e due tipi di infiammazione cardiaca, miocardite e pericardite. Questa conclusione però viene fatta, come sottolineato nell’update, su un piccolo numero di casi segnalati.

Il comitato raccomanda quindi: “Di elencare la miocardite e la pericardite come nuovi effetti collaterali nelle informazioni sul prodotto per Nuvaxovid, insieme a un’avvertenza finalizzata a sensibilizzare al riguardo gli operatori sanitari e le persone che ricevono questo vaccino”.

Le vaccinazioni in Italia vanno molto a rilento e le adisioni alle quarte dosi per gli over 60 e le persone fragili sono pochissime. Intanto, secondo il bollettino del 4 agosto, nel nostro paese si contano 42.976mila nuovi casi e 161, con una percentuale dei positivi del 17,8%.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Emanuele Novizio

Emanuele Novizio - Il Novavax era stato già un vaccino fallimentare sotto tutti i punti di vista, ma le ultime notizie in merito al vaccino per i "no-vax" di certo non convinceranno gli altri a vaccinarsi. Tra l'altro i numeri, come rivelati dalla Fondazione Gimbe, sono già piuttosto bassi in merito alla vaccinazione.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!