Iscriviti

Una persona su due in Italia non sa di avere un glaucoma

Grazie alla prevenzione si può evitare il 30% dei casi di cecità legati a questa malattia, che aumenta il rischio di cadute e incidenti stradali, andando perfino ad incidere sulla qualità di vita del paziente

Salute
Pubblicato il 24 gennaio 2018, alle ore 17:08

Mi piace
6
0
Una persona su due in Italia non sa di avere un glaucoma

Gli italiani affetti dal glaucoma sono più di un milione. Si tratta di una malattia degli occhi che colpisce il nervo ottico provocando danni permanenti ed irreversibili alla vista. Tuttavia, solo una persona su due sa di averlo. Interessa più del 3% della popolazione sopra i 40 anni e la causa principale è dovuta a un repentino aumento della pressione intraoculare, sebbene altri fattori, come quelli neurodegenerativi e vascolari possano altresì contribuire alla sua genesi. 

È una malattia che influisce sulla qualità di vita di tantissime persone perché, se non diagnosticata e curata in modo tempestivo, porta al restringimento progressivo del campo visivo fino alla cecità totale. Si hanno gravi conseguenze dal punto di vista lavorativo, sociale e psicologico. Proprio per questo motivo è fondamentale conoscere meglio questo “ladro” della vista e giocare d’anticipo con controlli preventivi

Metà delle persone affette non sa di avere un glaucoma

Prevenzione e diagnosi precoce sono le due armi fondamentali per contenere al massimo gli effetti nefasti della malattia sull’autonomia della persona: è necessario individuare la malattia quando ancora non dà sintomi particolarmente accentuati.

Negli stadi iniziali della malattia – ha spiegato Michele Rinaldi, docente di oftalmologia presso la Seconda università degli Studi di Napoli – il glaucoma può essere asintomatico e senza la corretta prevenzione, può essere diagnosticato solo in una fase avanzata del suo decorso, quando ormai sono manifeste importanti e irreversibili perdite del campo visivo“.

Ecco perché bisogna iniziare a controllare la vista in modo tempestivo: “La diagnosi di questa malattia – ha detto Giorgio Marchini, direttore della Clinica oculistica, azienda ospedaliera universitaria integrata di Verona – viene fatta misurando la pressione intraoculare, le fibre del nervo ottico e i difetti del campo visivo“.

Ecco allora che questa malattia può avere un impatto importante sia sulla capacità di orientarsi nello spazio, con un maggior rischio di cadute, sia sulla capacità di guidare. Conseguenze davvero invalidanti per la vita di tutti. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Luca Santini

Luca Santini - La prevenzione è sempre la migliore cura, specialmente quando si ha a che fare con patologie molto difficili da diagnosticare. Il glaucoma è potenzialmente molto dannoso e colpisce milioni di persone nel nostro paese, spesso a loro insaputa. E' dunque buona pratica monitorare costantemente lo stato di salute dei nostri occhi attraverso visite specialistiche.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!