Iscriviti

Sintomi e cure della leucemia a cellule capellute

La leucemia a cellule capellute è una malattia rara. Quali sono i sintomi e le possibili cure da attuare? Ecco alcune risposte e un farmaco nuovo per combattere questa rara e grave forma di leucemia.

Salute
Pubblicato il 16 settembre 2015, alle ore 23:44

Mi piace
2
1
Sintomi e cure della leucemia a cellule capellute

La leucemia a cellule capellute è una forma di leucemia cronica che si manifesta con una riduzione di globuli bianchi, globuli rossi e piastrine nel sangue. I disturbi che ha sul paziente sono quelli di una maggiore esposizione alle infezioni che possono essere anche molto gravi. A causare questo tipo di leucemia è la mutazione del gene BRAF.

La leucemia a cellule capellute è una malattia molto rara e riguarda circa il 2 per cento di tutte le leucemie: solitamente si manifesta nell’età adulta, mediamente intorno ai 55 anni di età, periodo in cui avviene la diagnosi. Inoltre, colpisce in maggioranza gli uomini rispetto alle donne.

I sintomi della leucemia a cellule capellute spesso non si presentano per molto tempo e i pazienti scoprendo di essere affetti dalla leucemia quasi per caso. Questo accade perché i sintomi sono generici e comuni a quelli di altre malattie, ovvero febbre, stanchezza, pallore, sudorazione notturna, perdita di peso, sanguinamenti, infezioni, ingrossamento di milza e fegato. Anche il senso di pienezza a livello dell’addome, il fiato corto, la facilità a procurarsi lividi possono essere manifestazioni della malattia.

Le cura per questo tipo di malattia finora anon hanno avuto tanto successo e la malattia dopo alcuni anni si ripresentava. Di recente è stato sperimentato un nuovo farmaco, il vemurafenib, che va a colpire la lesione genetica che causa la leucemia. Il farmaco, che va a colpire il gene BRAF mutato e può essere assunto per via orale, è stato presentato dalla rivista medica New England Journal of Medicine, ed è il risultato delle ricerche coordinate dal professor Brunangelo Falini, Direttore dell’Istituto di Ematologia con Trapianto di Midollo Osseo dell’Università di Perugia, con la collaborazione del Dr. Enrico Tiacci.

Lo studio è stato finanziato dall’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro nell’ambito del programma speciale AIRC 5 x mille. Un risultato importante che può dare qualche speranza per combattere la leucemia a cellule capellute.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Giacoma Chimenti

Giacoma Chimenti - Una nuova speranza per la leucemia a cellule capellute. Il nuovo farmaco, il vemurafenib, potrebbe alleviare le sofferenze e ritardare il ripresentarsi della malattia oppure addirittura sconfiggerla. Le ricerche degli studiosi continuano grazie all'appoggio di associazioni internazionali che hanno l'opportunità di trovare i fondi necessari per continuare gli studi. Se non fosse per la ricerca, non sarebbe stato possibile trovare nuove alternative a numerose malattie che fino a qualche tempo fa erano letali. Un plauso a tutti coloro che dedicano la loro vita alla ricerca.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!