Iscriviti

Settimana mondiale vaccinazioni: le bufale sui social

In occasione della Settimana mondiale delle vaccinazioni, l’osservatorio ThatMorning lancia l'allarme sulle bufale che circolano sui social, anche quelle legate all'emergenza Covid-19.

Salute
Pubblicato il 27 aprile 2020, alle ore 15:48

Mi piace
9
0
Settimana mondiale vaccinazioni: le bufale sui social

La settimana delle vaccinazioni è promossa dalla Organizzazione Mondiale della Sanità al fine di sensibilizzare la popolazione e i sanitari sull’importanza di sottoporsi ai vaccini. La settimana delle vaccinazioni (European Immunization Week), che ha avuto inizio il 20 aprile a livello europeo e che proseguirà fino al 30 Aprile 2020 con il World Immunization Week, deve essere l’occasione per riflettere su come le vaccinazioni ogni anno salvano milioni di vite nel mondo, sebbene ci siano ancora 20 milioni di bambini che non ricevono i vaccini contro tetano, difterite e pertosse.

In questa occasione, ThatMorning, osservatorio italiano che controlla le notizie provenienti dai settori LifeSciences ed HealthCare, sta diffondendo alcune informazioni per aiutare a comprendere come l’argomento vaccinazioni venga trattato a livello mediatico, da siti web e social network, sottolineando il problema delle tesi antivaccinistiche e il problema delle bufale legate all’emergenza sanitaria in corso.

Secondo i dati raccolti da ThatMorning, riferiti ad un mese campione del 2019, il tema delle vaccinazioni costituisce sempre un tema caldo, affrontato sui siti web e su Twitter in 12.000 menzioni. ThatMorning ha inoltre stilato una top ten delle argomentazioni formulate a sfavore dei vaccini che si trovano più spesso su Twitter:

  1. Nei vaccini si trovano metalli pesanti (e non solo): oltre alle paure (infondate) legati alla tossicità delle nano particelle di metalli presenti nei vaccini, alcuni tweet no vax considerano l’ipotesi che nei vaccini si trovino altre strane componenti, dalle “cellule di scimmia”, a quelle di “feti abortiti” a “frammenti di DNA di virus” (persino dell’HIV);
  2. Di certe malattie (es. morbillo o pertosse) non si muore
  3. I vaccini causano malattie (es. autismo)
  4. I vaccini sono un’invenzione delle case farmaceutiche per trarne profitto
  5. Siamo “cavie” di “Big Pharma”
  6. I dati relativi a reazioni avverse vengono tenuti nascosti
  7. I vaccini vengono somministrati quando i bambini sono troppo piccoli
  8. Chi è vaccinato può diventare infettivo
  9. I vaccini “non funzionano
  10. Vaccinarsi non essendo malati è inutile

Nelle ultime settimane, inoltre, si stanno diffondendo anche bufale legate alle vaccinazioni e al tema Covid-19: c’è chi pensa che la pandemia sia un’invenzione studiata a tavolino per arricchire le Pharma e chi ipotizza che Bill Gates abbia creato il virus per vendere il vaccino. Con altri tweet complottisti c’è anche chi sostiene che coloro che si sono sottoposti a vaccino antinfluenzale siano più vulnerabili al virus.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesca Paola Scimenes

Francesca Paola Scimenes - L'attuale situazione, in cui gli scienziati di tutto il mondo stanno lavorando per cercare un vaccino efficace contro il Coronavirus, dovrebbe portare a riflettere sull'importanza delle vaccinazioni e su come queste abbiano contribuito all'eliminazione o comunque al controllo e al contenimento di molte malattie infettive e, di conseguenza, al miglioramento delle condizioni sanitarie.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!