Iscriviti

Rientro dalle vacanze: gli italiani sono ansiosi e fuori forma. Si chiama sindrome da rientro

Le vacanze hanno un effetto negativo sulla salute di coloro che rientrano a lavoro. Questo senso di stanchezza e ansia si chiama Sindrome di rientro. Ecco come si può curarla.

Salute
Pubblicato il 24 agosto 2018, alle ore 12:37

Mi piace
6
0
Rientro dalle vacanze: gli italiani sono ansiosi e fuori forma. Si chiama sindrome da rientro

Le vacanze estive sono quasi finite. A breve tutti torneranno alla vita di tutti i giorni, allo stress quotidiano e l’ansia di avere di nuovo delle scadenze da rispettare è uno dei principali problemi che mette in crisi alcuni lavoratori.

Infatti, 1 italiano su 3 (dunque il 33%), afferma che gli ultimi giorni di vacanza sono quelli più tristi e quelli in cui ci si sente meno in forma. È stato dato anche un nome a questa condizione: si chiama sindrome da rientro.

Sindrome da rientro: lo stress del ritorno dalle vacanze

Generalmente, si va in vacanza per staccare la spina, dopo un anno di traffico, corse contro i mezzi pubblici, lavoro straordinario e simili. Tuttavia, sapere che nel giro di poco si torna a quella vita, mette un po’ di ansia. Lo studio è stato effettuato su 3500 italiani.

Il medico e psicoterapeuta dell’età evolutiva, Alberto Pellai, spiega che questa particolare sindrome è una sensazione di stanchezza nel tornare alla routine. Spesso, ci si imbatte anche in particolari difficoltà nel trovare la giusta concentrazione. Ciò è dovuto al fatto che, dopo una settimana, o 15 giorni di ferie, il corpo e il cervello devono di nuovo abituarsi a seguire uno scherma rigido.

Addiritturà un italiano su due, rientra in condizioni peggiori dalle vacanze. Infatti, come riportato dal nutrizionista e docente all’Università di campus Bio-medico di Roma, Luca Piretta, durante le vacanze gli orari sono completamente sregolati, cambiano i ritmi e spesso si aumenta anche il tasso di alcool assunto.

Per combattere tutti questi effetti post-vacanze, è di fondamentale importanza l’idratazione: quest’ultima consente il corretto afflusso di sangue ai tessuti e inoltre, tutte le reazioni chimiche cellulari avvengono solo se è presente l’acqua e questo ci deve far comprendere quanto sia essenziale questo elemento anche per ammortizzare la sindrome da rientro.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesco Menna

Francesco Menna - Nonostante, sia ancora uno studente, se capita la settimana di "pausa", succede che effettivamente riprendere a studiare con i ritmi classici è molto più complesso, rispetto a quando ci si abitua. Spesso i primi giorni post-vacanze sono proprio i peggiori. Tuttavia, le vacanze sono necessarie, perché altrimenti saremmo perennemente stanchi per il troppo lavoro/studio.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!