Iscriviti

Mi brucia la pipì: sto malissimo! La cistite si cura in un pomeriggio!

La cistite è un disturbo diffuso e fastidioso che si cura in tre giorni!

Salute
Pubblicato il 20 gennaio 2014, alle ore 12:43

Mi piace
0
0
Mi brucia la pipì: sto malissimo! La cistite si cura in un pomeriggio!

Molto spesso mi arrivano in ambulatorio persone che sono state sveglie tutta la notte per un disturbo molto diffuso soprattutto nelle donne in età fertile: la cistite. Si tratta di un improvviso bruciore quando si fa pipì, accompagnato da stimolo continuo ad urinare e spesso da urine torbide o addirittura rosse.

E’ un disturbo comune, specie nelle donne che anatomicamente sono soggette a questa patologia perché i batteri contenuti nelle feci risalgono verso l’uretra e poi in vescica o addirittura si trasmettono attraverso le pareti di utero e vescica. Molto spesso si accompagna a stitichezza che favorisce il proliferare dei batteri nelle feci. Nell’uomo, invece, è spesso associato ad ipertrofia prostatica, quindi coinvolge di solito età più avanzate.

Il rimedio più immediato è l’assunzione di un antibiotico o di un disinfettante urinario, visto che il disturbo è talmente fastidioso che non si riesce ad attendere il risultato di un’urinocoltura che ci dirà quale batterio ci ha causato la cistite. Gli antibiotici più indicati sono i fluorochinoloni e il disinfettante urinario più efficace è la fosfomicina. Effettuata la cura, dopo quattro o cinque ore di solito c’è il netto miglioramento, ma essa va mantenuta per almeno tre giorni. A questa terapia si deve accompagnare molta acqua (almeno un litro e mezzo al giorno) e, se è presente, si deve combattere la stitichezza con molte fibre (prugne, verdure cotte e crude, frutta, crusca).

A volte la cistite ritorna. Anche spesso e diventa ricorrente e fastidiosa. Allora è necessario fare una cura preventiva con estratti di Cranberry, un frutto rosso il cui estratto rende le urine acide e impedisce il proliferare dei batteri all’interno della vescica. Esiste in capsule e bustine e va preso tutti i giorni per un mese, poi dieci giorni al mese per almeno tre mesi.

Video interessanti:
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!