Iscriviti

Mangiare funghi per combattere il declino del cervello. Lo studio

Secondo un recente studio condotto dalla National University of Singapore, i funghi, grazie al loro contenuto di ergotioneina, contrastano l'insorgenza di deficit mentali legati all'età.

Salute
Pubblicato il 12 aprile 2019, alle ore 20:47

Mi piace
28
0
Mangiare funghi per combattere il declino del cervello. Lo studio

I funghi possiedono molte proprietà benefiche; oltre ad avere poche calorie (un etto di funghi fornisce da 20 a 26 calorie), i funghi sono ricchi di proteine.

Secondo uno studio condotto da un gruppo di ricercatori della National University of Singapore e pubblicato su Journal of Alzheimer’s Disease, mangiare regolarmente funghi favorisce il mantenimento di un cervello attivo e giovane, riducendo il rischio di sviluppare deficit mentali.

Lo studio

Lo studio ha avuto una durata di ben sei anni (dal 2011 al 2017) e ha visto la partecipazione di oltre 600 individui di origine cinese con età superiore ai 60 anni. I ricercatori hanno analizzato le abitudini alimentari dei partecipanti che, dopo aver consumato i funghi, sono stati sottoposti a una serie di test fisici e neuropsicologici. Dai test è emerso che mangiare mezzo piatto di funghi a settimana (300 grammi circa) potenzia le capacità di concentrazione e memoria, oltre a dimezzare il rischio di disturbo neurocognitivo minore (MCI). Secondo i calcoli, le probabilità di sviluppare deficit calano infatti del 57%.

Questo effetto sarebbe da attribuire all’ergotioneina (EGT), un amminoacido solforato naturale con funzioni antiossidanti e antinfiammatorie, in grado di proteggere le cellule; gli esseri umani non possono sintetizzarlo da soli ma assimilarlo solo attraverso l’alimentazione.

I ricercatori hanno, inoltre, individuato le varietà di funghi maggiormente efficaci nel prevenire l‘insorgenza dell’Alzheimer e delle altre malattie degenerative del cervello. Tra questi, Enokitake (Flammulina velutipes), Pleurotus ostreatus, orecchione o fungo ostrica, Lentinula edodes, Agaricus bisporus (Champignon), funghi secchi e in scatola. 

Il professor Lei Feng,  a capo dello studio, ha commentato: “Questa correlazione è sorprendente e incoraggiante. Sembra che un singolo ingrediente della tavola, peraltro facilmente disponibile, possa avere effetti ragguardevoli sulle funzioni cognitive”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesca Paola Scimenes

Francesca Paola Scimenes - Questa notizia ci offre un motivo in più per utilizzare i funghi nelle nostre cucine; un motivo che va oltre il loro sapore. Se ulteriori ricerche in merito confermeranno questa proprietà dei funghi, sarà possibile unire alla bontà di un piatto a base di funghi, la consapevolezza di contribuire al benessere del nostro cervello.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!