Iscriviti

L’alcol crea dipendenza, morte e sofferenza

L'alcolismo è una dipendenza molto presente nella popolazione mondiale. Recenti studi hanno emanato dei livelli massimi di alcol da consumare per evitare danni all'organismo.

Salute
Pubblicato il 24 giugno 2019, alle ore 12:34

Mi piace
8
0
L’alcol crea dipendenza, morte e sofferenza

La dieta mediterranea prevede il consumo moderato di alcol in occasione dei pasti principali. Le ricerche scientifiche sottolineano la necessità di bere con cautela. L’etanolo non è un nutriente ma una molecola potenzialmente tossica che può causare danni all’organismo e alla psiche.

L’alcol viene assorbito dall’organismo dopo 5 minuti dalla sua ingestione, lo si riscontra nel sangue dopo 30 minuti, fornisce 7 kcal ogni grammo e non viene metabolizzato dal fegato come nutriente ma come sostanza tossica. Non è possibile stabilire un parametro di sicurezza per via delle differenze individuali che influenzano sulla velocità d’assorbimento e metabolizzazione dell’alcol, ma recenti studi indicano la soglia di rischio che sarebbe di 2-3 unità alcoliche al giorno per gli uomini, 1-2 unità per le donne e 1 unità per i soggetti con oltre 65 anni d’età. Una unità corrisponde a 10 g di alcol puro cioè un bicchiere di vino.

L’alcol è una bevanda psicoattiva in grado di causare dipendenza che può determinare patologie come la steatosi epatica e la cirrosi epatica, diabete o tumori. Il binge drinking è un fenomeno sempre più frequente nella società e comprta l’assunzione di grandi quantità d’alcol per arrivare ad uno stato d’ubriachezza.

L’intossicazione da alcol comprende varie fasi. La prima corrisponde allo stato di ubriachezza con stati di euforia ed eccitazione. Poi si passa a fenomeni depressivi, sonnolenza, riflessi rallentati e prestazioni motorie e mentali disorganizzate. Nei casi più gravi si può arrivare al coma o alla morte. Nel caso di una dipendenza da alcol, durante il periodo di astinenza possono manifestarsi tremori, stati di irritabilità, nausea, vomito, tachicardia o allucinazioni.

La terapia dell’alcolismo comporta l’approccio di molte figure professionali come psicologi o psichiatri. Si stono sviluppati gruppi di Alcolisti Anonimi per aiutare i soggetti affetti da alcolismo. La dipendenza da alcol può rovinare la vita di intere famiglie, l’unico consiglio che si può dare è bere con cautela.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Chiara Venditti

Chiara Venditti - Ogni forma di dipendenza è un allarme per la psiche. L'alcolismo, come le altre forme, comporta grandi problemi nella sfera sociale ed emotiva dell'individuo che ne è affetto e che deve essere aiutato. Oltre che un danno a se stesso può essere un pericolo per gli altri. La comunità deve, quindi, cercare un approccio efficace.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!