Iscriviti

L’ ibuprofene può compromettere la salute dell’apparato riproduttivo maschile

Secondo quanto riporta uno studio internazionale molto autorevole, un uso costante e protratto di questo composto chimico potrebbe, nell'individuo di sesso maschile, contribuire ad ipogonadismo

Salute
Pubblicato il 9 gennaio 2018, alle ore 17:16

Mi piace
3
0
L’ ibuprofene può compromettere la salute dell’apparato riproduttivo maschile

I malesseri ed i fastidi che vengono solitamente trattati grazie all’ibuprofene sono davvero moltissimi. Mal di testa, dolore ai denti ed alle articolazioni sono solo alcuni esempi in cui l’azione antinfiammatoria ed analgesica di questo composto chimico può rivelarsi estremamente preziosa. 

Ma recentemente un gruppo di ricerca internazionale guidato dall’Istituto nazionale per la salute e la ricerca Medica (Inserm) francese di Rennes ha portato alla luce lati meno conosciuti di questo farmaco ed ha associato il suo uso con possibili effetti deleteri per la salute riproduttiva maschile. Secondo lo studio, infatti, dopo diversi giorni di assunzione di ibuprofene si verifica una importante diminuzione della produzione degli ormoni sessuali maschili, che contribuisce ad una condizione di salute chiamata ipogonadismo

Lo studio

L’ibuprofene è comunemente utilizzato a fini antidolorifici e antinfiammatori ed il suo uso è in costante crescita, specialmente in alcune categorie di persone come gli atleti, in virtù della sua azione contro i dolori muscolari e articolari. 

Proprio per questo motivo, i ricercatori transalpini hanno voluto studiare gli effetti di un uso prolungato di questo farmaco. Così, hanno preso in considerazione un campione di ben 31 uomini, di età compresa fra i 18 e i 35 anni, i quali sono stati coinvolti in diversi test e analisi cliniche.

I risultati

In base ai risultati ottenuti dal gruppo di ricerca, dopo due sole settimane di assunzione del farmaco, l’equilibrio ormonale maschile presentava alcune variazioni solamente nel gruppo che aveva assunto il farmaco e non nel gruppo di controllo. In particolare, l’uso protratto di ibuprofene aveva agito su alcuni elementi della funzionalità dei testicoli, ad esempio aveva diminuito sensibilmente la produzione di testosterone

“È noto ormai – ha chiarito Andrea Lenzi  professore ordinario di Endocrinologia alla Sapienza Università di Roma – che esiste un calo della fertilità maschile e che molti farmaci possono interferire con il potenziale riproduttivo maschile”. 

Ma la questione non riguarda tanto l’uso di queste sostanze, quanto piuttosto il suo “abuso”, ha voluto chiarire il professore. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Luca Santini

Luca Santini - Sono ormai moltissimi gli studi scientifici che mostrano come moltissimi farmaci e sostanze chimiche possano avere delle ripercussioni molto negative sul nostro livello di salute. La cosa importante, è cercare di limitare al massimo l'uso di queste sostanze, ma non è assolutamente necessario né desiderabile eliminarle del tutto, specialmente qualora ce ne fosse realmente bisogno. La scelta migliore in questi casi è sempre quella di utilizzare il buonsenso.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!