Iscriviti

Intossicazione alimentare e cibi contaminati. Ogni anno si contano 420mila decessi

Ogni anno si verificano 420 mila decessi a causa della contaminazione degli alimenti. Si è tenuto un congresso tra i ministri della Sanità che prevede miglioramenti entro il 2030.

Salute
Pubblicato il 13 febbraio 2019, alle ore 07:14

Mi piace
5
0
Intossicazione alimentare e cibi contaminati. Ogni anno si contano 420mila decessi

Ogni giorno ci giungono notizie di lotti alimentari ritirati a causa di contaminazioni microbiologiche perché potrebbero causare problemi di salute a chi li consuma. Secondo una ricerca, ogni anno le persone che si ammalano per cibi contaminati da batteri, virus, parassiti sono oltre 600 milioni e, di queste 420mila sono decedute in tutto il mondo.

I dati sono stati resi noti durante la Conferenza internazionale sulla sicurezza alimentare organizzata da Fao, Oms e Unione africana. All’incontro erano presenti i Ministri della Sanità di molti Paesi, ma anche produttori, scienziati e distributori. Il traguardo da raggiungere, secondo quanto dichiarato alla conferenza, è quello di aumentare la sicurezza degli alimenti entro il 2030.

Decessi per cibo contaminato: i rischi 

La necessità di migliorare la qualità degli alimenti nasce dal fatto che le persone più a rischio sono proprio i bambini. Il 40% delle malattie riscontrate provengono da contaminazioni tramite cibo e i minorenni deceduti sono oltre 125 mila all’anno. Nei casi peggiori, a causare la morte del soggetto è una grave dissenteria; si conta che questa sia la causa della morte di oltre 230mila persone l’anno.

Tra i soggetti a rischio ci sono anche gli anziani e gli ammalati in quanto le difese immunitarie sono molto più deboli rispetto a quelle di un adulto ancora giovane o in salute. Le malattie, oltre a creare problemi fisici, comportano anche danni economici e il rallentamento dello sviluppo del turismo e del commercio. 

I principali rischi legati dalla contaminazione alimentare riguarda la diarrea o la meningite; possono insorgere anche malattie a lungo termine, tra cui il cancro e diversi tipi di tumore. L’alimento più pericoloso è la carne cruda, incluso il pesce; inoltre, i cambiamenti climatici non fanno altro che aumentare la pericolosità.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesco Menna

Francesco Menna - Un dato sconcertante. Quasi 500 mila morti, tra cui 130 mila bambini, a causa di cibo infetto o contaminato. Più che aspettare il 2030, cioè tra 11 anni, dovrebbero far qualcosa per tentare di ridurre i danni già entro i prossimi mesi, perché moltiplicando 430 mila per 11, esce un numero di vittime troppo alto.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!