Iscriviti

Infarto: un test del sangue ne calcola il rischio

Per calcolare il rischio di infarto arriva un nuovo test del sangue, che calcola l'attività di alcuni geni particolarmente attivi

Salute
Pubblicato il 30 maggio 2014, alle ore 17:07

Mi piace
0
0
Infarto: un test del sangue ne calcola il rischio

Tramite un test del sangue sarà possibile conoscere il rischio di infarto in individui con problemi cardiovascolari. È questa la novità in campo medico in fatto di prevenzione, che potrebbe interessare tantissimi pazienti in tutto il mondo.

Grazie a questo test si potrà, quindi, intervenire precocemente nei pazienti che risultano più a rischio per l’insorgenza di un infarto, che potrebbe risultare fatale. Il test potrebbe ance essere messo a disposizione dei pazienti, per rendere la diagnosi ancora più precoce, un po’ come succede ormai per il diabete.

La sperimentazione

Questo nuovo test è stato presentato dalla rivista Genome Medicine ed è stato attualmente già sperimentato su un gruppo di pazienti dal team di Gregory Gibson della Georgia Institute of Technology ad Atlanta. Si tratta di una novità molto importante soprattutto per tutti quei soggetti che sono maggiormente a rischio, come chi soffre di circolazione sanguigna, chi presenta depositi di calcio e di colesterolo. Tramite questo test, quindi, si potrà conoscere in anticipo se si è più o meno predisposti ad un infarto e poter così essere monitorati adeguatamente.

Secondo gli esperti, che hanno condotto la sperimentazione, infatti, questo nuovo test permette di controllare quanto sono attivi alcuni geni che vengono interessati nei processi infiammatori e del sistema immunitario. Il livello di attività di questi geni, infatti, sembrerebbe correlato al rischio di infarto. Secondo i primi risultati della sperimentazione, il test risulterebbe molto accurato nei riuscire ad identificare i pazienti più a rischio di infarti rispetto a quelli meno in pericolo.

L’obiettivo dei ricercatori

L’obiettivo ambizioso dei ricercatori sarebbe quello di creare un apparecchio da poter utilizzare a casa dagli stessi pazienti, per riuscire a monitorare la situazione costantemente, esattamente come succede per altre malattie come ad esempio il diabete. Si tratta, quindi, di una scoperta molto importante nella prevenzione degli infarti, che potrebbe salvare molte vite.

Video interessanti:
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!