Iscriviti

Individuata la proteina che ripara il cuore dopo un infarto

Una recente ricerca americana ha portato all’individuazione di una proteina, la follistatina-like 1(FSTL 1), in grado di riparare il cuore e rigenerare i tessuti in seguito ad un infarto.

Salute
Pubblicato il 18 settembre 2015, alle ore 18:03

Mi piace
1
0
Individuata la proteina che ripara il cuore dopo un infarto

Da tempo è noto alla medicina e alla scienza che durante un infarto si verifica nella persona interessata una consistente perdita di cellule del muscolo cardiaco, chiamate cardiomiociti; ma il cuore dei mammiferi (uomo compreso) non è in grado di auto-ripararsi e auto-rigenerarsi da solo e perfettamente subito dopo l’evento. Dunque capita di frequente che alcuni individui sopravvivano ad un infarto ma, nonostante ciò, i danni che il cuore presenta e si trascina dietro sono importanti e persistenti.

Uno studio, svolto di recente dai ricercatori dell’Università di Stanford (negli Stati Uniti) guidati dalla dottoressa Pilar Ruiz-Lozano e pubblicato sulla famosa rivista “Nature”, ha portato all’individuazione di una proteina, la follistatina-like 1 (FSTL 1), capace di riparare il cuore e rigenerare i tessuti spontaneamente dopo un attacco cardiaco, stimolando la formazione di nuove cellule. Attraverso questa particolare proteina, che troviamo normalmente sull’epicardio degli individui sani (la membrana che circonda la parete del cuore), è dunque possibile allontanare recidive e favorire la remissione totale della sintomatologia associata all’infarto. Pilar Ruiz-Lozano ha spiegato: “I trattamenti non si curano di questo problema fondamentale di conseguenza progressivamente molti pazienti perdono la funzione del cuore, sviluppando prima disabilità sempre più gravi, fino alla morte”.

Per arrivare a questa scoperta gli esperti hanno eseguito una serie di test sugli animali, topi e maiali in  particolare. Si è notato che inserendo questa proteina negli animali infartuati tramite un cerotto bio-ingegnerizzato, che imita il tessuto dell’epicardio e funziona come una sorta di  “riserva” di proteina FSTL1, si verificava una crescita delle cellule del muscolo e, di conseguenza, un miglioramento delle funzioni cardiache (ad esempio, il flusso di sangue, diminuito in seguito agli infarti, era rientrato nella norma).

Sebbene la ricerca in questione sia ancora agli inizi e necessiti di altre sperimentazioni (anche sull’essere umano) essa dà comunque la speranza di potersi, in un futuro non troppo lontano, riprendere completamente da un infarto.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesca Paola Scimenes

Francesca Paola Scimenes - Considerando che ogni anno sono molto numerose le persone che vengono colpite da infarto, questa ricerca è da considerarsi di fondamentale importanza, dal momento che gli studiosi hanno scoperto che ripristinare la presenza della proteina FSTL 1 può essere un modo efficace per rigenerare il cuore dopo un infarto e farlo tornare quasi come nuovo. Se questa scoperta dovesse essere confermata anche dai test che verranno condotti successivamente sull’uomo, potremmo dire davvero di aver trovato una nuova terapia per gli infarti.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!