Iscriviti

Il 5 maggio si celebra la giornata mondiale sull’igiene delle mani

Il 5 maggio è la giornata mondiale sull’igiene delle mani. L’obiettivo di questa giornata è ricordare l’importanza dell’igiene delle mani per la nostra salute e per la prevenzione delle infezioni correlate all'assistenza (le cosiddette Ica).

Salute
Pubblicato il 4 maggio 2019, alle ore 10:59

Mi piace
27
0
Il 5 maggio si celebra la giornata mondiale sull’igiene delle mani

Il 5 maggio si celebra la giornata mondiale sull’igiene delle mani, promossa dall’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms).

L’obiettivo di questo appuntamento annuale è ricordare a tutti, ed in particolar modo a chi si prende cura dei pazienti, l’importanza dell’igiene delle mani. Lavare le mani serve ad allontanare dalla cute i germi patogeni; si tratta di un gesto semplice ma molto importante per ridurre i rischi di trasmissione di virus e batteri.

La giornata mondiale sull’igiene delle mani

Quest’anno lo slogan della campagna è “Clean care for all – it’s in your hands”, per sottolineare l’importanza di adottare maggiori misure per garantire l’igiene e migliorare la prevenzione delle infezioni correlate ad un’inadatta igiene delle mani. Tra le infezioni più comuni ci sono: polmoniti, infezioni post operatorie, infezioni delle vie urinarie e quelle causate dai batteri introdotti da catetere venoso centrale.

Nell’ambito di uno studio condotto nel 2016, che ha interessato 56 ospedali italiani, sono state evidenziate Ica (infezioni correllate all’assistenza) nell’8% dei 14.000 pazienti presi in esame. Il 22% era già presente al momento del ricovero; l’85% originata nelle strutture ospedaliere.

Gli esperti consigliano di lavarsi le mani almeno 5 volte al giorno ma, stando ad una ricerca condotta da Top Doctors, i dati relativi alle abitudini degli italiani non sono incoraggianti: il 46% si lava le mani tra le 5 e le 10 volte al giorno, il 15% per fobia supera le 10 volte, ma 4 italiani su 10 non lo fanno. Pierangelo Clerici, Presidente AMCLI e Direttore dell’Unità Operativa di Microbiologia dell’Azienda Socio Sanitaria Territoriale Ovest milanese, ha commentato: “Queste cifre parlano da sole. Ci trasmettono la dimensione di un’epidemia che si abbatte ogni giorno silenziosamente nei luoghi che sono nell’immaginario collettivo deputati alla cura e prevenzione”.  

Tra le linee guida ricordate dall’Oms e dal Ministero della Salute si legge lavare le mani prima di mangiare, di somministrare farmaci, di medicare una ferita e dopo aver tossito, aver usato il bagno, essere stati a contatto con persone malate, aver maneggiato spazzatura/denaro, aver toccato animali.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesca Paola Scimenes

Francesca Paola Scimenes - Sembra banale ricordare l’importanza dell’igiene delle mani, ma in realtà non lo è, soprattutto se si considera le gravi conseguenze che possono derivare dalle mani sporche sia per la nostra salute che per la salute di chi ci sta vicino. Penso quindi che l’istituzione di questa giornata mondiale sia un’occasione buona per diffondere o semplicemente ricordare quelle che sono le buone norme di igiene e di pulizia delle mani.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!