Iscriviti

I celiaci hanno un rischio maggiore di ammalarsi di morbo di Crohn e rettocolite ulcerosa

Secondo un recente studio osservazionale della McMaster University, i celiaci hanno maggiori probabilità di sviluppare la malattia di Crohn e la rettocolite ulcerosa.

Salute
Pubblicato il 29 maggio 2020, alle ore 12:19

Mi piace
8
0
I celiaci hanno un rischio maggiore di ammalarsi di morbo di Crohn e rettocolite ulcerosa

Secondo un nuovo studio osservazionale, condotto da un team di ricercatori della McMaster University (Hamilton, Canada) e pubblicato sulla rivista Gastroenterology, esisterebbe un legame tra malattie infiammatorie intestinali e celiachia. In particolare, i celiaci sembrano avere un rischio maggiore di sviluppare la malattia di Crohn e la rettocolite ulcerosa (RCU).

Queste tre patologie (celiachia, rettocolite ulcerose e morbo di Crohn) colpiscono tutte e tre l’intestino, sono curabili ma non guaribili: il morbo di Crohn e la rettocolite ulcerosa vengono generalmente trattate con farmaci o con un intervento, la celiachia mediante l’esclusione dalla dieta di tutti gli alimenti contenenti glutine.

L’aspetto che però differenzia la celiachia dalle altre due malattie infiammatorie intestinali è il fatto che per la celiachia sappiamo che la causa è certamente l’ingestione di glutine, mentre per la malattia di Crohn e la rettocolite ulcerosa le cause sono molto meno chiare. Per arrivare a questa conclusione, i ricercatori hanno unito i risultati di ben 65 studi scientifici, pubblicati tra il 1978 e il 2019, per un totale di 13.6 milioni di partecipanti di tutte le età (43mila celiaci, 166mila pazienti con una malattia infiammatoria cronica intestinale e 13.4 milioni sani).

Da questo confronto i ricercatori hanno evidenziato che i celiaci, rispetto agli individui perfettamente in salute, hanno un rischio nove volte più alto di ammalarsi di Crohn o di rettocolite ulcerosa. Stessa cosa vale a parti invertite, anche se con frequenza minore. La Dott.ssa Maria Ines Pinto-Sanchez, ha dichiarato: “Abbiamo sempre sospettato che ci fosse questa possibilità, anche se non era mai stata stabilita un’associazione chiara e forte nei numeri”.

Gli esperti sospettano che nei celiaci, per arrivare ad un’altra malattia infiammatoria intestinale, potrebbe giocare un ruolo fondamentale il consumo di glutine: il protrarsi dell’infiammazione, scatenata dall’ingestione del glutine, potrebbe nel tempo condurre al morbo di Crohn o alla rettocolite ulcerosa.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesca Paola Scimenes

Francesca Paola Scimenes - Penso che la scoperta di questo legame tra celiachia e altre patologie infiammatorie intestinali sia davvero molto interessante. Penso anche che questa scoperta sia molto utile perché, in futuro, si potrà magari procedere ad uno screening quando ci si trova davanti un paziente celiaco o con una malattia infiammatoria intestinale.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!