Iscriviti

Gran Bretagna, mamma trentenne scopre tumore mentre allatta

Una mamma di appena trent'anni scopre di avere un tumore al seno mentre allatta il figlio minore, ma per i medici era solo una mastite.

Salute
Pubblicato il 21 ottobre 2019, alle ore 19:03

Mi piace
11
0
Gran Bretagna, mamma trentenne scopre tumore mentre allatta

Amy Palmer è una donna di 30 anni, mamma di due bambini e in perfetta forma, tanto da riuscire a completare la mezza maratona a soli cinque mesi dal suo secondo parto. Allattando proprio il bambino più piccolo Lenny, però, scopre di avere uno strano nodo al seno. La donna, originaria di Paignton, nel Devon – Regno Unito -, aveva concluso con successo la sua prima mezza maratona; in quella stessa settimana Amy aveva anche soffiato le sue trenta candeline, sentendosi piena di energie e più in forma che mai.

Meno di un mese dopo, però, allattando il piccolo Lenny, la mamma ha sentito un nodulo al seno destro; nessun problema, secondo quanto detto dal medico di famiglia, assicurando che si trattava semplicemente di un accumulo di latte. Dopo due settimane, il nodulo era ancora presente e visibile così Amy decide di effettuare un’ecografia ed una biopsia della massa, trovandosi davanti medici scettici che continuavano a sostenere la tesi della mastite.

Pochi giorni dopo, alla luce degli esami, le è stato diagnosticato un carcinoma mammario HER2 positivo. Subito dopo aver ricevuto la diagnosi, la mamma ha dovuto smettere di allattare il piccolo, il primo dei numerosi sacrifici che ha dovuto fare a causa dal cancro.

Nemmeno un mese dopo, tramite un intervento chirurgico, è stato rimosso un nodulo di circa un centimetro; successivamente, Amy ha dovuto sottoporsi a sei cicli di chemioterapia prima di altri di radioterapia.

Oggi, Amy ha appreso che il carcinoma mammario può colpire donne di tutte le età, sebbene lo screening mammografico in Gran Bretagna sia applicabile solo alle donne di età pari o superiore a 50 anni. Oltre alla sua personale battaglia contro la malattia, Amy ne sta conducendo un’altra dove richiede che l’età minima per i test venga abbassata, in modo tale da scoprire e combattere i carcinomi in una fase precedente.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Laura Filippi

Laura Filippi - Fortunatamente la tenacia di Amy nel sostenere che quel nodulo non fosse semplicemente la manifestazione della mastite, le sta salvando la vita, permettendole di accedere alle cure in tempi relativamente brevi. Un caso raro, forse, ma che dimostra quanto sia importante tenere sotto controllo ogni segnale che ci invia il nostro corpo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!