Iscriviti

Glaucoma: alla scoperta di prevenzione, cause e trattamenti

Il glaucoma colpisce il nervo ottico, causando in casi gravi anche cecità. Ecco perchè è importante sapere cosa sia e come riconoscerne i sintomi, oltre ai modi per prevenirlo.

Salute
Pubblicato il 31 gennaio 2018, alle ore 15:50

Mi piace
6
0
Glaucoma: alla scoperta di prevenzione, cause e trattamenti

Il glaucoma è una malattia che colpisce e danneggia il nervo ottico, ossia quelle piccole fibre nervose che trasmettono informazioni e impulsi dalla retina al cervello. In un occhio colpito da glaucoma, il fluido presente internamente all’occhio (umore acqueo), viene ostruito. Quindi il liquido aumenta e si accumula, creando una pressione intraoculare, che sale danneggiando poi il nervo ottico, che avrà come conseguenza un danno o la morte delle fibre nervose.

Secondi i recenti dati dell’OMS le persone colpite da glaucoma sono circa 55milioni, diventando così la seconda causa di cecità nel mondo. In Italia tale patologia coinvolge un milione di persone, in particolare over 40, che nella metà dei casi non sa di esserne colpiti.

Esistono due tipi di Glaucoma:

  • Glaucoma primario ad angolo aperto, il più comune. Esso si verifica in modo graduale; l’occhio non drena in modo corretto il fluido, in quanto ostruito, e la pressione dell’occhio sale e danneggia il nervo ottico. Tale glaucoma è “silenzioso” e non provoca inizialmente nessun danno visivo.
  • Glaucoma ad angolo chiuso: si verifica quando l’iride si trova vicina all’angolo di drenaggio dell’occhio, bloccandolo. Quando l’angolo di drenaggio viene completamente bloccato, la pressione dell’occhio aumenta rapidamente. Tale fenomeno è detto “attacco acuto”. Esso è una vera emergenza, che richiede subito l’intervento di un oftalmologo, per scongiurare rischi di cecità.

Glaucoma: fattori di rischio e sintomi

Il glaucoma può colpire in maniera indistinta. L’unico modo per poterlo prevenire è una diagnosi precoce. Risulta quindi importante sottoporsi a controlli periodici, soprattutto dopo i 40 anni, anche in assenza di sintomi. Tuttavia esistono alcuni fattori di rischio che ne aumentano le probabilità:

  • età avanzata
  • predisposizione ereditaria
  • ipertensione
  • miopia
  • traumi oculari
  • terapia prolungata a base di farmaci cortisonici
  • diabete

I sintomi di un glaucoma, in particolare quella ad angolo chiuso possono essere vari tra cui: forte dolore agli occhi, visione sfocata in modo improvviso, dolori allo stomaco accompagnati da nausee e/o vomito, visione di anelli o aloni intorno alle luci.

Glaucoma: come prevenirlo

Lo specialista oftamologo Steven G. Pratt, dello Scripps Memorial Hospital, dichiara che le carote sono sicuramente un buon alleato per la vista, ma non hanno un ruolo così importante e deciso come si pensava. Invece gli spinaci contengono quantità elevate di luteina e zeaxantina, antiossidanti presenti negli occhi in quantità maggiori. Viene affermato quindi che questi due antiossidanti possono essere validi alleati per evitare effetti negativi e proteggere gli occhi.

Molti specialisti iniziano a consigliare ai pazienti un uso maggiore di spinaci e verdure a foglie verdi, oltre ad assumere integratori con antiossidanti, utili per prevenire anche problemi come cataratta e glaucoma. Altri alleati della vista sono le vitamine A, C, E e zinco. Si consiglia inoltre una dieta con pochi grassi, dolcificanti e bevande gassate, in quanto tossici per gli occhi.

Trattamenti per il glaucoma

Il glaucoma non può essere curato, ma soltanto tenuto sotto controllo con una giusta terapia, effettuando inoltre controlli e trattamenti a vita. In fase iniziale esso viene curato con farmaci, sotto forma di collirio per calare la pressione intraoculare. Quando la terapia di tipo medico non è sufficiente, si può ricorrere a interventi chirurgici e/o trattamenti laser. La terapia medica, viene effettuata solo in casi di diagnosi precoci, con un glaucoma progredito. In casi gravi si ricorre immediatamente a laser o intervento.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Serena Spaventa

Serena Spaventa - Credo che una delle cose più brutte siano le malattie che possono colpire gli occhi, in quanto possono limitare in modo improvviso il nostro stile di vita e abitudini. E' quindi importante sottoporsi sempre a controlli presso centri specializzati soprattutto con l'avanzare dell'età e quindi con un possibile aumento dei rischi.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!