Iscriviti

Foggia: primo calcolatore on-line di tumore alla prostata in Italia

In Italia, esattamente a Foggia, è stato realizzato il primo calcolatore on-line in grado di stabilire i rischi di contrarre il carcinoma della prostata.

Salute
Pubblicato il 26 gennaio 2019, alle ore 14:11

Mi piace
9
0
Foggia: primo calcolatore on-line di tumore alla prostata in Italia

L’équipe coordinata dai professori Luigi Cormio e Giuseppe Carrieri, del Dipartimento Nefro-Urologico dell’Azienda ospedaliero-universitaria Ospedali Riuniti di Foggia, ha messo a punto un calcolatore italiano on-line in grado di stabilire i rischi di contrarre il tumore alla prostata.

Rispetto a calcolatori già esistenti, ovvero, al calcolatore PCPT calculator, realizzato negli Stati Uniti e disponibile sul sito dell’Università del Texas e allo SWOP calculator, sviluppato dalla collaborazione di 8 centri europei e dall’Università di Rotterdam, il calcolatore nato a Foggia si differenzia dall’accessibilità direttamente da internet digitando le parole: “Foggia prostate cancer risk calculator”.

 Il calcolatore on-line

Questo strumento è stato sviluppato sottoponendo circa 3500 pazienti ad una biopsia prostatica presso l’Azienda ospedaliero-universitaria Ospedali Riuniti di Foggia. Il gruppo di ricerca ha infatti messo a punto una tecnica di anestesia del tutto nuova per la biopsia prostatica che si basa sull’uso di creme a sostituzione delle iniezioni endorettali, uno schema bioptico più attendibile e l’uso dell’uroflussimetria e del residuo urinario post-minzione nel porre indicazione alla biopsia prostatica.

L’azienda ospedaliero-universitaria Ospedali Riuniti di Foggia, è il primo centro pugliese capace di combinare le immagini della ecografia e della risonanza magnetica multiparametrica della prostata ed è da anni centro leader nazionale per la crioterapia del carcinoma della prostata. A tal proposito negli ultimi 20 anni, grazie a continui miglioramenti, sono riusciti a ridurre la mortalità causata dal tumore in questa zona.

Il prof. Cormio afferma: “Grazie ai continui miglioramenti diagnostico-terapeutici siamo riusciti, negli ultimi venti anni, ad ottenere una costante progressiva riduzione della mortalità per questo tumore che, tuttavia, resta la terza causa di morte per neoplasia nel maschio. I calcolatori di rischio sono strumenti che hanno dimostrato di avvicinare i pazienti a questa problematica e di facilitare il medico nel porre corretta indicazione alla biopsia prostatica. Attualmente stiamo valutando se il grado di infiammazione prostatica che riscontriamo nelle biopsie può aiutarci a predire i tumori più aggressivi che, quindi, necessitano di trattamenti più aggressivi”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Valentina Isernia

Valentina Isernia - E' sempre interessante scoprire come si va avanti con la scienza anche grazie alla tecnologia. Non sempre internet è un danno ma anzi, svariate volte aiuta in molte situazioni, come in questo caso, finalmente adesso non ci sono più scuse e i maschi adulti semplicemente con un click, potranno verificare anche da casa la loro situazione salutare.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!