Iscriviti

Dispositivo identifica i noduli al seno senza radiazioni: iBreastExam

Ideato un nuovo dispositivo per identificare i noduli al seno e fare una pre-diagnosi di tumore al seno. Il dispositivo si chiama iBreastExam, è economico, indolore e non prevede l’utilizzo di raggi X.

Salute
Pubblicato il 9 ottobre 2018, alle ore 06:29

Mi piace
28
0
Dispositivo identifica i noduli al seno senza radiazioni: iBreastExam

Il tumore al seno è la tipologia di tumore con più incidenza nella popolazione femminile. In Italia, 50.500 donne nel 2017 si sono ammalate di tumore al seno.

Ad oggi uno degli strumenti diagnostici più utilizzati per identificare il tumore al seno è la mammografia. Le donne oltre i 50 anni dovrebbero sottoporsi periodicamente (ogni anno o due anni, a seconda dei fattori di rischio) a questo tipo di esame. La mammografia è una radiografia, in cui si comprime il seno tra due lastre, e che perciò viene effettuata attraverso una bassa dose di raggi X. Proprio l’utilizzo, seppur basso, di raggi X ha portato gli esperti alla continua ricerca di altri test di screening.

Cos’è l’iBreastExam e come si esegue lo screening

Mihir Shah e Matthew Campisi, due ingegneri biomedici, hanno ideato un dispositivo in ceramica palmare e wireless, chiamato iBreastExam, in grado di identificare in appena cinque minuti i noduli al seno non palpabili, senza radiazioni e dolore.

Il dispositivo, già testato su alcune pazienti in Messico, Nepal, Myanmar, Indonesia, Oman e Botswana, ha dimostrato un’elevata sensibilità, confermata nei casi sospetti da esiti successivi ottenuti attraverso ecografia, mammografia e biopsia. A riportare i risultati dei primi trial clinici è il “World Journal of Surgical Oncology”.

L’iBreastExam ha dei costi minimi, tra uno e cinque dollari. Per questo, gli esperti stanno pensando di utilizzarlo come una sorta di pre-screening, a cui le pazienti possono sottoporsi direttamente dal proprio medico di base durante un controllo di routine.

L’esame viene eseguito attraverso un’app. Se sulla app si accende la luce verde il tessuto mammario è considerato sano; la spia rossa indica invece la necessità di sottoporsi ad altri accertamenti presso uno specialista. I risultati possono essere anche conservati nell’app, in modo tale da poterli consultare quando serve e confrontare i nuovi test nel tempo con controlli precedenti o successivi. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesca Paola Scimenes

Francesca Paola Scimenes - Penso che questo nuovo esame possa dare il suo contributo nella lotta ai tumori al seno. Ci tengo però a dire che, come sottolineato dagli esperti, questo tipo di esame non è in nessun caso da intendersi come sostituto dei programmi di screening, ma solo come uno strumento a supporto.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!