Iscriviti

Da uno studio arriva la possibilità di restituire la voce ai pazienti che l’hanno persa a causa di ictus

Da uno studio condotto dall'Università di San Francisco arriva una soluzione per restituire la voce ai pazienti che l'hanno perduta a causa di ictus o altri disturbi neurologici.

Salute
Pubblicato il 4 maggio 2019, alle ore 10:39

Mi piace
13
0
Da uno studio arriva la possibilità di restituire la voce ai pazienti che l’hanno persa a causa di ictus

Un recente studio condotto dai ricercatori dell’Università di San Francisco e pubblicato sulla rivista Nature ha portato alla scoperta di una tecnica per fa tornare la voce a chi la ha perduta a causa di disturbi neurologici, come ad esempio l’ictus.

Una delle tante conseguenze dell’ictus, che registra 200.000 casi ogni anno in Italia, è infatti la perdita della voce: quando avviene un’interruzione del flusso sanguigno arterioso (ricco di ossigeno) in un’area del cervello, le cellule cerebrali di quella parte del cervello vanno incontro a morte e, di conseguenza, le funzioni associate vengono compromesse (movimento di un arto, linguaggio, vista).

Lo studio

L’ipotesi su cui si sono basati i ricercatori è andare a recuperare le parole nei neuroni della corteccia cerebrale, dove appunto nascono, e poi riprodurle con un particolare software, che al momento è in grado di verbalizzare solo 10 parole al minuto (ben presto diventernno 150, fino poi all’intero vocabolario).

Per fare questo, i ricercatori si sono avvalsi dell’utilizzo dell’fRMI (Risonanza Magnetica Funzionale) e, in particolare, della cosiddetta metodica task- based fMRI, cioè la risonanza funzionale basata su un certo compito. Questa consente di rilevare quali aree cerebrali si attivano durante l’esecuzione di un determinato compito in ambito fisico o linguistico.

La scoperta in questione potrebbe essere applicata non solo ai pazienti che hanno avuto un ictus, ma anche a individui sani per il potenziamento della memoria. Se abbiamo infatti modo di vedere dove sono i neurononi che comandano una certa parola e tradurre prima in comandi e poi in suoni, è anche possibile fare il percorso inverso, cioè mandare inpulsi ai neuroni e trasmettere dati.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesca Paola Scimenes

Francesca Paola Scimenes - Considerando che i casi di ictus sono piuttosto numerosi, penso che questa scoperta, magari arricchita da ulteriori studi e ricerche, possa aiutare molto i pazienti che hanno avuto un ictus e facilitare il loro recupero. Inoltre, questa scoperta potrebbe essere utilizzata anche per altri scopi, legati appunto al potenziamento della memoria.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!