Iscriviti

Covid-19, la variante Omicron farebbe raddoppiare i casi ogni due giorni

Il mondo, secondo l'OMS, potrebbe affrontare un nuovo tsunami di contagi da Covid-19. Ursula von der Leyen, presidente della Commissione Europea, ha definito "sconvolgente" i tempi di propagazione della nuova mutazione.

Salute
Pubblicato il 15 dicembre 2021, alle ore 21:16

Mi piace
0
0
Covid-19, la variante Omicron farebbe raddoppiare i casi ogni due giorni

La variante Omicron del Covid-19 adesso spaventa veramente l’Europa e il mondo intero. Si tratta della mutazione del Sars-CoV-2 che lo scorso novembre è stata rilevata per la prima volta in Sudafrica, ma che, di fatto, non si sa da dove provenga. Questa mutazione sarebbe ancora più infettiva della Delta, almeno del 500% in più. La presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, non ha usato giri di parole mettendo tuti di fronte alla realtà dei fatti. Secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità il mondo dovrebbe aspettarsi un nuovo tsunami di contagi da Covid-19.

Basti osservare a quello che sta succedendo nel Regno Unito, dove nelle ultime 24 ore sono stati riscontrati 78.610 casi di infezione da Covid-19, un numero che non si era mai visto dall’inizio della pandemia. La variante Omicron avrebbe tempi di raddoppio di soli due-tre giorni, così ha spiegato la von der Leyen, che ha parlato di situazione “sconvolgente”. “Dobbiamo accettare che già per la metà di gennaio la variante Omicron sarà la variante dominante in tutta Europa” – così ha detto la presidente della Commissione UE.

L’allarme di Mario Draghi

Il Governo italiano, vista la situazione negli altri Paesi, è corso subito ai ripari introducendo delle restrizioni per quanto riguarda gli arrivi dall’estero, anche da parte dei cittadini italiani. Chi proviene dal Regno Unito o da altre nazioni, se vaccinato deve presentare un test Covid negativo al suo arrivo, mentre un non vaccinato dovrà osservare 5 giorni di quarantena, oltre alla presentazione di un test Covid negativo. 

“L’arrivo dell’inverno e la diffusione della variante Omicron ci impongono la massima attenzione nella gestione della pandemia” – così ha spiegato il Premier intervendo in Parlamento, dove ha spiegato ai presenti le nuove regole attuate dal nostro Paese, che, secondo quanto indicato da Palazzo Chigi, non vanno contro a nessuna normativa europea in terma di gestione dell’emergenza sanitaria. Domani il Premier spiegherà anche al Parlamento Europeo tali decisioni. 

Il raddoppio dei casi legati alla variante Delta è di circa due settimane: per la Omicron questo dato quindi si abbasserebbe di moltissimo, questione di giorni appunto. Se si continua a diffondere in questa maniera la Omicron potrebbe portare varie nazioni ad ulteriori limitazioni delle libertà personali, con conseguenze devastanti per l’economica e la società. Ed è quello che tutti i governi vogliono evitare. Il fisico dell’Università di Trento, Roberto Battiston, a Il Secolo XIX, ha spiegato che la Omicron si diffonderebbe perchè i vaccini non sono in grado di fermarla al 100%, che comunque sono efficienti per difendere i pazienti dalle forme gravi di malattia, anche se contraggono la Omicron. “La cosa positiva è che pare più leggera e che i vaccini ci difendano dalle conseguenze più aggressive” – così ha concluso Battiston.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Federico Sanapo

Federico Sanapo - Queste notizie ci fanno capire come la battaglia al Covid-19 non sia ancora terminata, e che c'è bisogno ancora di tanta pazienza. Nel frattempo vaccinarsi sembra la scelta più appropriata, almeno per continuare a svolgere una vita quanto più normale possibile. Certo se questa variante si diffonde in maniera così rapida c'è la possibilità che possano tornare alcune restrizioni.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!