Iscriviti

Coronavirus, il professor Bassetti dichiara: "Troppo allarmismo, chi parla tanto venga a visitare i nostri ospedali"

Matteo Bassetti, primario di malattie infettive all'ospedale San Martino di Genova, si è detto contrario al nuovo clima di allarmismo da Coronavirus che si sta infondendo, aggiungendo che chi parla tanto dovrebbe fare un sopralluogo negli ospedali.

Salute
Pubblicato il 27 luglio 2020, alle ore 10:11

Mi piace
5
0
Coronavirus, il professor Bassetti dichiara: "Troppo allarmismo, chi parla tanto venga a visitare i nostri ospedali"

In Italia, la situazione Coronavirus è tutt’altro che superata. Se da un lato si cerca di dare una parvenza di normalità alla vita degli esseri umani, dall’altro la condizione continua a destare preoccupazione, con i contagi che crescono e nuovi focolai che emergono. L’obbligo di indossare le mascherine nei luoghi chiusi e quello di rispettare il distanziamento sociale, persistono.

Purtroppo però non tutti rispettano il divieto di assembramento e diverse situazioni pericolose vengono documentate dai media o sui social. E’ pur vero tuttavia, che gli esperti sono attualmente divisi in due scuole di pensiero differenti, con una parte di essi che continua a raccomandare la prudenza e a sostenere che il pericolo non appartiene solo al passato ma anche al presente; e con l’altra parte che invece ritiene che la situazione di allarmismo che si continua ad infondere agli italiani è sbagliata e esagerata

Nei giorni scorsi il professor Alberto Zangrillo, direttore della terapia intensiva dell’ospedale San Raffaele di Milano, ha ribadito che il virus “è clinicamente morto” e che dobbiamo “ricominciare a vivere”. A sposare in qualche modo questa linea di pensiero è adesso Matteo Bassetti, primario di malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova.

Il professor Bassetti ha parlato della situazione Coronavirus, ammettendo che punta molto sulla sperimentazione in corso ad Oxford e dunque sul vaccino ChAdOx1, messo a punto dallo Jenner Institute della Oxford University con la collaborazione dell’italiana Irbm. Bassetti si è poi soffermato sulla preoccupazione che continua a persistere lungo tutto lo stivale, asserendo che non condivideil nuovo clima di allarmismo“.

A supporto della sua tesi, il primario di malattie infettive del San Martino di Genova, ha dichiarato: “Coloro che parlano tanto e magari non ci sono mai stati, vengano a visitare i nostri ospedali, al San Martino di Genova, Al San Raffaele di Milano, a Bergamo, che sono stati flagellati dal virus. Così si renderanno conto in che condizioni sono e magari smetteranno di dire cose che non corrispondono alla realtà“.

Bassetti è stato chiaro: la situazione da Coronavisur è notevolmente mutata rispetto ai mesi scorsi. Il professore ha poi rivolto un invito a tutti coloro che parlano e dicono cose poco inclini al vero, e cioè che solo facendo un sopralluogo negli ospedali e soprattutto in quelle strutture delle regioni maggiormente colpite dal Covid, si possa realmente comprendere come stanno i fatti

Il professor Bassetti, ha poi ammesso che è necessario essere prudenti e osservare le regole imposte, così come è giusto che le persone vogliano evadere dopo mesi di reclusione. A tal proposito, il primario ha aggiunto che non bisogna avere pretese e dunque: “Non si può pensare che si indossi la mascherina, tutti, sempre, a 35 gradi“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Tonia Sarracino

Tonia Sarracino - Personalmente trovo che effettivamente il virus abbia perso in qualche modo la potenza e l'aggressività dei mesi scorsi e a testimoniarlo è il netto calo di contagiati e di conseguenza di morti. E' pur vero però che la prudenza non è mai troppa e dunque è giusto indossare sempre le mascherine e rispettare il distanziamento sociale.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!