Iscriviti

Coronavirus, i bambini restano positivi anche per tre mesi

A dimostrarlo sono due ricerche italiane che si sono focalizzate sul caso di 30 bambini ricoverati a Como. Pubblicati su “Journal of Infection”, i due studi inducono a riflettere specialmente ora, alla vigilia della riapertura delle scuole.

Salute
Pubblicato il 3 settembre 2020, alle ore 12:17

Mi piace
10
0
Coronavirus, i bambini restano positivi anche per tre mesi

I bambini ma anche gli adolescenti che hanno contratto il Covid-19 e sono asintomatici o presentano sintomi di lieve entità, possono rimanere positivi al Sars-Cov-2 anche per 2 o 3 mesi. A suggerirlo sono due ricerche italiane che entrano nel merito di 30 bambini ricoverati a Como per disturbi di natura neuro-psichiatrica, che hanno contratto il nuovo coronavirus durante la fase più acuta della pandemia.

I due studi apparsi su Journal of Infection, sono stati coordinati da Enzo Grossi e Vittorio Terruzzi, rispettivamente direttore scientifico e direttore sanitario di Villa Santa Maria, in provincia di Como. Le loro analisi condotte negli ultimi mesi, hanno permesso di appurare che nel periodo in cui i bambini sono ancora positivi, differentemente da quanto ci si possa aspettare, la carica virale non diminuisce in maniera lineare, ma oscilla in maniera imprevedibile.

Nel loro lavoro, i due ricercatori sono quindi arrivati a concludere che “nei bambini paucisintomatici possa essere rilevata una carica virale eccezionalmente elevata e di conseguenza l’eliminazione del virus può durare a lungo”. I pazienti paucisintomatici vengono così chiamati perché presentano sintomi molto lievi come tosse secca, qualche linea di febbre e un generale senso di malessere e stanchezza.

Se negli adulti asintomatici, il periodo che trascorre mediamente dal primo test positivo al primo dei due tamponi negativi consecutivi è compreso tra 7 e 23 giorni, nei bambini il periodo potrebbe dunque essere molto più lungo. Il tema non è affatto da sottovalutare, in quanto ha un significativo impatto sulla definizione dei tempi di quarantena e diventa di grande attualità in vista della riapertura delle scuole.

Come precisato dai due esperti,“bambini e ragazzi che sono stati affetti dal coronavirus, possono risultare positivi al tampone nasofaringeo per periodi che arrivano a sfiorare i tre mesi”. Oltre a ciò, lo studio induce a non sottovalutare l’aspetto legato alla carica virale. Come concluso dagli autori dello studio, non sarebbe sufficiente scoprire se un paziente sia positivo, ma si dovrebbe anche comprendere i valori di carica virale, fattore che “può fare una grande differenza nel modulare l’intensità delle precauzioni da adottare”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonio Sorice

Antonio Sorice - Fino ad oggi, pochi studi sono entrati nel merito della durata di rilevamento del Covid-19 in soggetti asintomatici. A sorprendere è poi la durata della positività dei bambini, che pur essendo colpiti in forma lieve, possono arrivare a mostrare i segni della malattia per un periodo molto più lungo rispetto agli adulti. È chiaro che di ciò bisognerà tenere conto specialmente ora che bambini e adolescenti torneranno a scuola.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!