Iscriviti

Batteri trovati nel ghiaccio tritato per cocktails. Il richiamo a Polo Nord Ice Cubes

Un nuovo caso di batteri trovati nel ghiaccio tritato ad uso alimentare, che coinvolge questa volta il ghiaccio Polo Nord Ice Cubes, uno dei più utilizzati in bar, pub e ristoranti italiani e non solo.

Salute
Pubblicato il 27 gennaio 2019, alle ore 16:01

Mi piace
24
0
Batteri trovati nel ghiaccio tritato per cocktails. Il richiamo a Polo Nord Ice Cubes

La produzione del ghiaccio destinata alla preparazione di cocktail e granite non è un’attività semplice che può essere sottovalutata, dal momento che all’interno dei cubetti di ghiaccio possono annidarsi facilemente batteri e muffe, indigeste e pericolose per la salute. Questo succede probabilmente perché non sempre le macchine per la produzione del ghiaccio alimentare vengono sottoposte alle dovute operazioni di pulizia, manutenzione e sostituzione dei filtri.

I disturbi per la salute che ne derivano sono diarrea, disturbi gastrointestinali e altre patologie causate da batteri come escherichia coli, coliformi ed enterobatteri, che con il freddo del ghiaccio non muoiono ma al contrario si conservano e si moltiplicano.

In Europa non ci sono normative che regolano la produzione di ghiaccio. Per questo motivo l’Istituto nazionale per il ghiaccio alimentare (Inga) ha redatto un manuale di corretta prassi igienica per la produzione di ghiaccio alimentare, approfondendo gli aspetti igienici e di sicurezza alimentari legati alla produzione industriale di ghiaccio. Carlo Stucchi, presidente di Inga, ha spiegato: “Il nostro obiettivo è quello di garantire qualità, sicurezza e tracciabilità sia per chi con il ghiaccio lavora, pensiamo ai baristi ad esempio, sia a chi ne fa uso, e dunque a tutti noi consumatori”.

Il richiamo a Polo Nord Ice Cubes

Relativamente a questo tema, il 2019 inizia con un allarme: il ghiaccio Polo Nord Ice Cubes, uno dei più utilizzati in bar, pub e ristoranti, è stato richiamato dal Ministero della Salute ed è stato ritirato dal commercio a causa della presenza di batteri. La motivazione del richiamo che appare anche in una nota sul sito è dunque conta batterica fuori limiti.

Il lotto coinvolto è il numero 8130 con scadenza all’11/2019, venduto in sacchetti da due chili e prodotto nella sede di Pastrengo (Verona). L’allerta è stata diramata anche da RASFF, essendo il ghiaccio venduto anche a Malta. Per precauzione è stato raccomandato di non consumare il ghiaccio tritato con il numero di lotto indicato e restituirlo al punto vendita d’acquisto.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesca Paola Scimenes

Francesca Paola Scimenes - Penso che sulla produzione del ghiaccio destinato alla preparazione di cocktails, granite e bevande debba esserci assolutamente una normativa più stringente e precisa. Tutti noi, soprattutto nella stagione estiva, siamo soliti consumare questi prodotti per il senso si freschezza che ci offrono ed è giusto pertanto che il consumatore si senta sicuro e tutelato.

Lascia un tuo commento
Commenti
Anna Maria Pisciotta
Anna Maria Pisciotta

27 gennaio 2019 - 18:02:52

Difficile anche con le macchine del ghiaccio evitare i batteri

0
Rispondi