Iscriviti

Alzheimer, un test ne permetterà la diagnosi con 20 anni d’anticipo

Un articolo apparso sul sito dello Jama, il Journal of American Medical Association, ha anticipato che tra 3 anni sarà immesso sul mercato un kit capace di preannunciare la comparsa dell’Alzheimer con 20 anni d’anticipo.

Salute
Pubblicato il 30 luglio 2020, alle ore 19:13

Mi piace
8
0
Alzheimer, un test ne permetterà la diagnosi con 20 anni d’anticipo

Tra 3 anni sarà possibile scoprire se ci ammaleremo di Alzheimer 20 anni prima che compaiano i primi sintomi della malattia. Ad annunciarlo è stato un articolo recentemente apparso sul sito dello Jama, il Journal of American Medical Association.

A rendere fattibile questa clamoroso passo in avanti nella lotta ad una delle più temibili patologie neurodegenerative, sarà un kit che scoverà i primi segnali dell’Alzheimer attraverso un esame del sangue. Messo a disposizione di ospedali e laboratori, il kit si baserà su un innovativo protocollo al quale ha collaborato un pool di 22 specialisti che lo ha sperimentato su un campione di 1.402 volontari.

Il morbo che attualmente colpisce 30 milioni di persone in tutto il mondo – di cui 600mila solo in Italia – stando alle previsioni è destinato a crescere nei prossimi decenni: diverse stime concordano sul fatto che nel 2050, i malati di Alzheimer potranno raggiungere la spaventosa cifra di 100 milioni di persone.

Caratterizzata da demenza degenerativa e perdita di memoria, l’Alzheimer è considerata una delle patologie più devastanti e mortificanti che annulla l’identità del paziente. A tutto ciò bisogna poi aggiungere che il decorso della malattia, è spesso molto lento: chi viene colpito può infatti vivere anche 8-10 anni dopo la diagnosi.

Il test, che è utile sottolineare non rappresenterà una cura ma sarà un valido strumento di diagnosi precoce, attraverso un prelievo del sangue si occuperà di individuare la presenza della proteina beta-amiloide, un indicatore chiave del morbo di Alzheimer, in quanto responsabile dell’alterazione della comunicazione neuronale che caratterizza la malattia.

Stando a quanto documentato dagli esperti, questi grumi di proteine ​che alterano le normali funzioni neurologiche, ​iniziano a formarsi e accumularsi nel cervello fino a due decenni prima dell’inizio della caratteristica perdita di memoria: da qui i test potrebbero essere utilizzati per diagnosticare con congruo anticipo il morbo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonio Sorice

Antonio Sorice - Ancora oggi non si conosce con esattezza quali siano le cause del morbo di Alzheimer, ma avendo dimostrato che i danni al cervello cominciano a comparire anni prima che i sintomi diventino evidenti, un simile test può essere utile per cercare di correre ai ripari in tempo: seppur ancora non esista una vera e propria cura, si potranno infatti fin da subito limitare alcuni sintomi. Siamo quindi di fronte ad un piccolo passo che ci si augura tra non molto verrà seguito da una terapia che possa finalmente sconfiggere il morbo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!