Iscriviti

Allarme tra lo staff medico: dottori con nervi a pezzi e scattano i TSO

Negli ospedali, a causa della pandemia, la situazione è impressionante, soprattutto per lo staff medico sottoposto a orari massacranti con scene di isteria e alcuni di loro ricoverati con TSO.

Salute
Pubblicato il 14 gennaio 2022, alle ore 12:36

Mi piace
1
0
Allarme tra lo staff medico: dottori con nervi a pezzi e scattano i TSO

Con i casi Covid che continuano ad aumentare ogni giorno di più, lo staff medico è stremato e con i nervi a pezzi. Le cifre del Covid, i casi, i ricoverati e il numero degli aumenti in terapia intensiva sta mandando i medici in crisi. Stanno perdendo il sonno, la serenità e molti di loro anche la testa. Dopo due anni di pandemia, la vita per loro è davvero infernale, con chiamate, notifiche, sms che non smettono di arrivare.

Il citofono degli ospedali e del Pronto Soccorso non smette di squillare, al punto che per gli stessi esperti del settore si è di fronte alla sindrome di burnout con i medici che stanno scoppiando e andando fuori di testa. Per molti di loro è già scattato anche il TSO, acronimo di Trattamento Sanitario Obbligatorio per le mille urgenze da espletare.

I medici ormai non ce la fanno più. Gli orari sono diventati massacranti: alcuni cominciano il mattino per poi staccare la sera. Non hanno turni e sono sfiniti da continue chiamate. Ogni medico riceve fino a 1500 richieste. Gli stessi pazienti telefonano più volte al giorno, anche sul numero di casa, lasciando biglietti sul parabrezza delle loro auto o intrufolandosi di soppiatto non appena la porta dello studio si apre.

Una situazione che si aggrava ogni minuto: tra tamponi e vaccini, non ce la fanno più. A Roma due medici sono stati ricoverati: uno per il TSO e l’altro nel reparto di psichiatria dal momento che è stato trovato in strada mentre vaneggiava e in preda a convulsioni. Secondo Pier Luigi Bartoletti, vide segretario nazionale della Federazione italiana dei medici, si tratta di “chiaro disturbo post traumatico da stress, proprio come accade in guerra. I colleghi stanno subendo un fortissimo stress. Questi casi non erano mai avvenuti prima”

Sempre nella zona dei Castelli romani, una dottoressa ha dato in escandescenza prendendo a male parole sia i pazienti, ma anche le stesse forze dell’ordine giunte quando la donna si è barricata nello studio. La maggior parte dei medici manifesta chiari segnali di nervosismo, insonnia e sbalzi d’umore con errori anche di ortografia. Una situazione difficile per la quale si stanno degli incontri di auto-aiuto per confrontarsi.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Simona Bernini

Simona Bernini - La situazione della pandemia con continue richieste e ricoveri è difficile per noi cittadini, ma risulta davvero ingestibile e insostenibile per lo staff medico che deve far fronte a insonnia, nervosismo e anche turni massacranti. Veramente terribile quello che ogni giorni e ogni ora devono affrontare. Spero davvero che possano avere tutto l'aiuto, anche psicologico, per affrontare tutto questo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!