Iscriviti

Alcuni dolcificanti artificiali aiutano ad annientare le cellule tumorali

Una ricerca coordinata dall’Università di Firenze, arriva alla conclusione che alcuni dolcificanti naturali, come quelli a base di saccarina e acesulfame, sono in grado di poter uccidere le cellule tumorali.

Salute
Pubblicato il 16 gennaio 2020, alle ore 11:22

Mi piace
11
0
Alcuni dolcificanti artificiali aiutano ad annientare le cellule tumorali

Per anni considerati come il fumo negli occhi, ora invece, in netta controtendenza rispetto al passato, i dolcificanti potrebbero essere clamorosamente riabilitati. Stando a quanto emerso da uno studio condotto da Claudiu Supuran, docente presso l’Università di Firenze che si è altresì avvalso della collaborazione dei ricercatori dell’Università della Florida, della King Saud University e degli istituti egiziani National Research Center e Kafrelsheikh University, i dolcificanti artificiali sarebbero in grado di combattere i tumori.

Così come documentato per mezzo di un articolo apparso sul Journal of Medicinal Chemistry, le sostanze contenute in molti dolcificanti artificiali possono uccidere le cellule cancerogene. Ad ogni modo non tutti i dolcificanti avrebbero dimostrato queste proprietà, ma solo quelli a base di saccarina e acesulfame.

Almeno in vitro, queste due sostanze avrebbero annientato le proteine delle cellule malate senza danneggiare in alcun modo quelle sane. In altre parole a dispetto dei timori emersi negli scorsi decenni, queste sostanze almeno teoricamente non sarebbero dannose per la nostra salute. Di conseguenza sarebbe del tutto ingiustificato quello che fu l’allarmismo diffuso a partire dagli anni Settanta, quando si iniziò a collegare la saccarina al tumore alla vescica.

Tutto ciò non deve però far credere che sciogliendo una bustina di dolcificante artificiale nel caffè, si possa efficacemente combattere i tumori. Più che altro, i risultati conseguiti devono spingere la ricerca a studiare questi composti, al fine di poterli introdurre in alcuni farmaci studiati per i pazienti oncologici.

Come aggiunto dall’ordinario di Chimica farmaceutica dell’Ateneo fiorentino, il prossimo obiettivo sarà quello di individuare quale composto ricavato dall’unione di queste sostanze sarà in grado di inibire con maggiore efficacia l’anidrasi carbonica, l’enzima responsabile della crescita delle cellule cancerogene. Solo in questo modo sarà infatti possibile ottenere una cura più efficace, che garantisca allo stesso tempo degli effetti collaterali ridotti al minimo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonio Sorice

Antonio Sorice - Grazie a questa ricerca, si apre un’altra porta sul drammatico mondo dei tumori, rivalutando allo stesso tempo un alimento da molti evitato come la peste. È chiaro che al momento è troppo presto per giungere a delle conclusioni, ma quantomeno ci troviamo di fronte ad un’altra strada da poter seguire per poter scoprire i segreti dei tumori e sconfiggerli.

Lascia un tuo commento
Commenti
Gloria La Barbera
Gloria La Barbera

16 gennaio 2020 - 17:00:54

L'esito di questa nuova ricerca universitaria mi rincuora, dal momento che ne faccio largo uso

0
Rispondi