Iscriviti

A/H3N2: il nuovo virus influenzale che porterà sintomi più gravi del solito

È l'Ecdc, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, a metterci in guardia, in particolare, contro il virus influenzale A/H3N2 che potrebbe essere grave per anziani e altre categorie fragili a rischio complicanze.

Salute
Pubblicato il 26 ottobre 2021, alle ore 20:01

Mi piace
1
0
A/H3N2: il nuovo virus influenzale che porterà sintomi più gravi del solito

Quest’anno l’influenza “potrebbe essere grave” per gli anziani e le altre categorie fragili a rischio complicanze. È quindi importante prendere le precauzioni necessarie e proteggere chi è sono più a rischio.

Una forte circolazione del virus influenzale è stata già accertata in Croazia in modo insolitamente precoce. Il principale sottotipo è appunto quello denominato A/H3N2 particolarmente aggressivo negli anziani e più ‘attrezzato’ a contrastare l’effetto del vaccino

Il nuovo virus AH3N2

La sigla H3N2 porta alla memoria l’influenza di Hong Kong, una pandemia influenzale iniziata nella città asiatica nel 1968 e primo caso conosciuto di epidemia dovuta al ceppo H3N2 e si stima che provocò all’epoca tra le 2 e le 4 milioni di vittime. In Italia arrivò tra il 1969 e il 1970 causando 20mila decessi (all’epoca i vaccini furono resi disponibili solo dopo il picco di quella che fu soprannominata influenza spaziale.

Quest’anno l’influenza “potrebbe essere grave” per gli anziani e le altre categorie fragili a rischio complicanze. È l’Ecdc, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, a lanciare il monito mettendo in guardia in particolare contro il virus influenzale A/H3N2 che “colpisce le persone anziane in modo sproporzionato” rispetto alle altre “ed è associato a una minore efficacia del vaccino”.

L’Ecdc ricorda che ogni anno circa il 20% della popolazione viene infettata dai virus dell’influenza, e che “un contagiato su 4 svilupperà sintomi”.Gli anziani, le donne in gravidanza e i pazienti con patologie croniche come malattie cardiache, problemi a polmoni e vie respiratorie in generale, diabete o disturbi del sistema immunitario sono maggiormente a rischio di subire gravi complicanze.

Come ricordato dall’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato è molto importante vaccinarsi contro l’influenza perché le complicazioni dell’influenza stagionale possono portare a criticità: “Dobbiamo anche ricordare che il vaccino anti-Covid non protegge dall’influenza stagionale: ecco perché è importante fare entrambe le vaccinazioni”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - E' importante vaccinarsi per prevenire l'influenza stagionale che quest'anno si presenterà, a detta degli esperti, in maniera più grave, tenendo presente che le categorie fragili sono a rischio complicanze. I vaccini ci hanno protetto sempre e hanno debellato malattie importanti, quindi occorre mettere da parte la paura e affidarsi a ciò che dicono i medici.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!