Iscriviti

Acne: arriva il vaccino che ne combatte la formazione

Un vaccino sperimentale è in arrivo per combattere l'acne. Il risultato ha portato risultati positivi sui topi da laboratorio e su alcuni tessuti umani.

Salute
Pubblicato il 6 settembre 2018, alle ore 17:30

Mi piace
3
0
Acne: arriva il vaccino che ne combatte la formazione

È solo in fase di sperimentazione, ma la notizia potrebbe rappresentare l’inizio di una vera e propria svolta. L’acerrimo nemico degli adolescenti, ovvero l’acne potrebbe essere combattuta attraverso un apposito vaccino. Potrebbe rappresentare una buona alternativa ai trattamenti attuali che non garantisce sempre il successo desiderato. 

L’acne è molto fastidioso perché nel peggiore dei casi può comportare, oltre al classico prurito, anche dei segni permanenti che restano sul corpo. Al momento, il vaccino ha dato degli esiti positivi sui topi e su alcuni tessuti umani, ma molto probabilmente è necessario almeno qualche altro anno di lavoro.

Lo studio sul vaccino contro l’acne

Yang Wang, ricercatore presso l’Università della California, San Diego (Stati Uniti), e autore dello studio pubblicato con i suoi colleghi sulla rivista scientifica Journal of Investigative Dermatology, spiega che il vaccino è capace di ridurre la risposta immunitaria del corpo contro i batteri che producono l’acne.

In questo modo, non si verificano le classiche infiammazioni nei follicoli e nelle ghiandole sebacee. Addirittura, Wang ha spiegato che tale vaccino potrebbe rappresentare una svolta per i milioni di persone che soffrono con i brufoli. Tuttavia, ci sono alcune persone che sono contrarie a ciò e non si tratta dei soliti no-vax. Coloro che non appoggiano questo vaccino giustificano il fatto che effettivamente questa nuova cura, combatte solamente una delle tante cause che portano alla formazione delle macchie rosse e ciò significa che non risolve il problema in maniera definitiva.

Si potrebbe avere un maggior beneficio, molto probabilmente, laddove si riuscisse a combinare l’utilizzo del vaccino, insieme ad alcuni farmaci specifici che esistono in commercio da alcuni anni. Utilizzare solo il vaccino, potrebbe rappresentare un notevole miglioramenti per alcune persone, tuttavia il batterio ha diversi ceppi, alcuni dei quali svolgono un ruolo importante nel mantenere il giusto equilibrio della pelle. In alcuni pazienti ci potrebbe quindi essere un peggioramento e non un miglioramento dell’acne.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesco Menna

Francesco Menna - Un vaccino in via di sperimentazione che può ridurre la possibilità della formazione di acne potrebbe tornare utile. Bisogna, però, vedere, in quanto non è un vaccino obbligatorio (e dunque gratuito), quanto potrebbe costare per ogni singola puntura. Nei casi peggiori, potrebbe essere prescritto dal medico, ricevendo dunque uno sconto sul costo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!