Iscriviti

Abbronzarsi senza sole diventarà presto una realtà

Un gruppo di ricercatori americani ha scoperto un nuovo composto capace di regalarci una pelle abbronzata senza dover necessariamente esporsi ai raggi UV.

Salute
Pubblicato il 16 giugno 2017, alle ore 11:57

Mi piace
23
0
Abbronzarsi senza sole diventarà presto una realtà
Pubblicità

Sono ormai arrivati i tanto attesi mesi estivi, caratterizzati da riposo, mare, sole e abbronzatura. Negli ultimi anni però molti preferiscono alla tintarella sfrenata quella moderata, per preservare giustamente la nostra pelle dalle macchie cutanee, dall’invecchiamento precoce e soprattutto dal melanoma.
Ma abbronzarsi è possibile senza doversi necessariamente esporre ai raggi UV e senza dover per forza ricorrere alle creme autoabbronzanti? Sì, secondo un recente studio, pubblicato sulla rivista Cell Reports e condotto dai ricercatori del Massachusetts General Hospital e del Dana-Farber Cancer Institute di Boston.

Questi ricercatori, coordinati dal dermatologo David Fisher, hanno infatti scoperto un nuovo composto, per ora testato con risultati positivi solo su topi di laboratorio e su frammenti di pelle umana, in grado di stimolare la produzione di melanina. Diversamente dagli spray abbronzanti, i quali “colorano” esclusivamente lo strato più esterno della pelle (quello in cui si trovano le cellule morte), questa nuova sostanza agisce in profondità sulla produzione dei melanociti.

Non si tratta dunque di un’abbronzatura finta, ma di un’abbronzatura vera. In particolare questo composto interviene sulla variante del gene MC1R, provocando in alcuni topi una peluria color ruggine.

Per quanto riguarda invece i test condotti sui frammenti di pelle umana (residui di interventi chirurgici), la molecola ha provocato macchie marroncine.
Si tratta tuttavia di un’abbronzatura reversibile: dopo 2 settimane l’effetto svanisce, senza effetti collaterali.

Il prof. Fisher ed i suoi colleghi hanno commentato: “Ovviamente è fondamentale che si svolgano studi sulla sicurezza e la tossicità. Non si tratta di un gioco, né di un cosmetico”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesca Paola Scimenes

Francesca Paola Scimenes - Personalmente mi considero un'amante dell'abbronzatura intensa. Mi piace essere abbronzata durante i mesi estivi. Tuttavia, per la salute della mia pelle, evito l'esposizione al sole nelle ore più calde della giornata e, soprattutto, non mi sottopongo a lampade abbronzanti nel corso dell'anno, quando il mare è purtroppo lontano. Proprio perché, a mio parere, la salute viene prima di tutto, la scoperta di questo nuovo composto potrebbe rivelarsi in un futuro prossimo molto interessante.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!