Iscriviti

Uccisi due cuccioli di pastore maremmano

Due cuccioli di pastore maremmano sono stati uccisi a colpi di fucile da persone non ancora identificate a Marina di Sibari, rinomata località turistica.

Natura e Animali
Pubblicato il 29 settembre 2022, alle ore 10:03

Mi piace
1
0
Uccisi due cuccioli di pastore maremmano

Ascolta questo articolo

Due cuccioli di pastore maremmano sono stati uccisi a colpi di fucile da persone non ancora identificate a Marina di Sibari, rinomata località turistica di Cassano allo Ionio, cittadina in provincia di Cosenza. Lo hanno denunciato due associazioni del territorio calabrese “Adozioni a 4 zampe: Stella ed i suoi piccoli” e “Salva un cane Adottalo”, le quali hanno anche diffuso le immagini scioccanti delle carcasse dei poveri cagnolini brutalmente assassinati da mano ignota.

“La banalità del male” affermano entrambe le associazioni “colpisce ancora. Due cuccioli di cane, dolcissimi e amorevoli, un maschio e una femmina di maremmano, sono stati barbaramente uccisi a colpi di pallettoni e lasciati inermi per terra nei pressi di un residence turistico a Marina di Sibari. Erano dolci, giocherelloni e amabili, pur vivendo in condizioni disagiate, e non facevano male ad alcuno”.

Un gesto incomprensibile e crudele che ha posto fine alla loro già difficile vita in modo barbaro, un gesto orribile e inqualificabile, un’aggressione illogica e immotivata, un reato, visto che il maltrattamento degli animali è considerato tale dal nostro ordinamento giuridico. “Quando le istituzioni affronteranno energicamente il problema?” si chiedono rammaricati i volontari.

Serve un vero e proprio cambiamento culturale, secondo gli operatori, perchè la piaga del randagismo può essere arginata solo migliorando il rapporto uomo-animale, con una crescita di empatia e di affettività. “Occorre che il Comune di Cassano allo Ionio agisca sul piano economico con azioni tese a diffondere la pratica della sterilizzazione come unico mezzo di lotta efficace al randagismo e con una mappatura degli animali porta a porta hanno suggerito le associazioni.

E soprattutto occorre che l’Amministrazione Comunale attui una politica di sensibilizzazione al problema, a partire dal mondo della scuola dove si formano le nuove generazioni, perché sono ancora troppi i tabù e i pregiudizi legati alla sterilizzazione sia di cani che gatti. Così come serve, hanno auspicato gli operatori, “isolare e punire in modo esemplare chi abbandona, maltratta e uccide gli animali”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Rossana Lucente

Rossana Lucente - Purtroppo l'insensibilità umana porta spesso a questi episodi di violenza inaudita che sfocia contro gli animali, non solo quelli randagi, i quali girovagano per le strade a caccia di cibo e senza essere un reale pericolo per le persone. Ci si augura che dal governo centrale a quello locale ci si avvii verso l'educazione all'affettività nelle scuole, la sterilizzazione degli animali e la severa punizione per le menti criminali.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.