Iscriviti

Sardegna: cagnolina torturata con il fuoco, viva per miracolo

In Sardegna un gruppo di ragazzini ha torturato con il fuoco una cagnolina di piccola taglia che, miracolosamente, è sopravvissuta alle aggressioni.

Natura e Animali
Pubblicato il 5 marzo 2020, alle ore 10:47

Mi piace
12
0
Sardegna: cagnolina torturata con il fuoco, viva per miracolo

È viva per miracolo la cagnolina ritrovata in Sardegna, che risponde al nome di Stella; l’animale, un meticcio di piccola taglia, è riuscito a tornare dai suoi padroni, seppur agonizzante. La stessa, stando alle prime ricostruzioni, era stata prima legata e successivamente seviziata con il fuoco da un gruppo di ragazzini del posto.

I padroni di Stella, che vivono a Lula, in provincia di Nuoro, non avrebbero ancora sporto alcuna denuncia, ma potrebbero farlo nelle prossime ore. Gli stessi, che ora si stanno prendendo cura della cagnolina, avrebbero raccontato la vicenda al quotidiano La Nuova Sardegna; il giornale avrebbe ricordato il terribile gesto verso Fuego: il cucciolo bruciato vivo a Sassari un anno fa, fortunatamente salvato dai veterinari della clinica universitaria che riuscirono ad evitare che il cane perdesse la vista.

La storia di Fuego fece il giro dell’Italia intera e, oggi, il medesimo destino è toccato a Stella: gli aguzzini avrebbero attirato la cagnolina fuori dal cancello di casa e, successivamente, l’avrebbero legata e torturata. I ragazzini hanno bruciato il muso, gli occhi e le zampe all’animale, lasciandola agonizzante in un vicolo; la cagnolina, non si sa come, è riuscita a tornare a casa dai suoi padroni.

I cittadini di Lula si sono dichiarati indignati per il terribile gesto e in molti hanno deciso di chiedere giustizia per Stella. Bonaria Urgu, responsabile nuorese della Lega Italiana Difesa degli Animali e Ambiente ha spiegato: “È necessario cambiare la mentalità, gli animali non devono essere trattati alla stregua di oggetti ed è doveroso applicare le leggi e denunciare subito per risalire agli autori ed educarli, tanto più se sono ragazzini”.

La stessa, continua: “Adesso cercheremo di parlare con i proprietari della povera cagnetta per capire cosa è successo davvero. Nel frattempo ci facciamo portavoce delle persone senzienti che amano gli animali“. Inoltre, Gabriella Manca, degli Amici a Quattro Zampe di Orazio, starebbe incoraggiando i proprietari di Stella a procedere con la denuncia, al fine di fermare una volta per tutti questi terribili gesti.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Laura Filippi

Laura Filippi - Leggere di questi terribili gesti verso animali indifesi è sempre motivo di sdegno. A maggior ragione, in questo caso: ragazzini, probabilmente poco più che bambini, dovrebbero essere educati al rispetto verso l'ambiente e gli animali, oltre che verso le persone. Spero che i responsabili vengano trovati e puniti in modo adeguato.

Lascia un tuo commento
Commenti
Maria Guerricchio
Maria Guerricchio

05 marzo 2020 - 13:27:18

siamo in un mondo senza cuore

0
Rispondi
Maria Guerricchio
Laura Filippi

06 marzo 2020 - 14:46:16

Pazzesco, davvero

0