Iscriviti

Russia, un cane percorre 200 chilometri per tornare a casa: era destinato al canile

Una fuga dal treno che doveva portarlo al canile, quindi 200 chilometri di strada per tornare dal proprietario: questa è l'epopea di un cane che ha fatto ritorno a casa con le proprie zampe.

Natura e Animali
Pubblicato il 22 luglio 2019, alle ore 22:37

Mi piace
18
0
Russia, un cane percorre 200 chilometri per tornare a casa: era destinato al canile

Il protagonista di questa storia è Maru, un cane di razza Bullmastiff di un anno di età. La sua destinazione era stata decisa dal suo proprietario nell’ultimo mese, in quanto diceva di essere ultimamente affetto da un’allergia dovuta al pelo di cane, quindi Maru sarebbe stato destinato al canile, in Siberia, dove tra l’altro già risiedeva con la sua famiglia.

Il viaggio verso la struttura di ospitalità per i cani era stato organizzato in treno, con altri cani vagabondi, tutti trasportati sul mezzo ferroviario per trovare un rifugio sicuro ed un pasto assicurato ogni giorno. Solo che Maru non la pensava così, come gli altri: approfittando di una porta lasciata distrattamente aperta da qualche addetto, il Bullmastiff è sceso dal suo vagone in mezzo alla foresta siberiana.

Il cane ha compreso subito qual’era la direzione da percorrere per tornare dal suo padrone e, incurante dei pericoli, si è mosso piano piano, un po’ di chilometri al giorno, nella traiettoria opposta rispetto a quella del treno da cui era sceso. Orsi e lupi popolano la taiga, specie durante la stagione calda, sempre a caccia di prede facili per i propri pranzi.

Dopo più di due giorni il cane è tornato nel suo paese natale, dove era stato caricato sul treno e, poco dopo, è tornato nel giardino della propria abitazione. I soccorritori, che avevano seguito il cane negli ultimi chilometri del suo viaggio, quelli in città, hanno riportato che il padrone di Maru aveva le lacrime agli occhi: lui le giustificava con la sua allergia, ma probabilmente c’era ben altro.

Il cane, zoppicante già al momento della partenza, tornato a casa lo era ancor di più, dopo aver percorso ben 200 chilometri di strada per fare ritorno dal suo padrone. Per ora Maru è in assegnazione ad un ambulatorio veterinario, dove verranno curate le sue ferite e la sua zampa malandata, successivamente sarà deciso il suo destino, se tornare a casa o finire al canile.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Il cane Maru ha sfidato la taiga siberiana ed i suoi abitanti selvatici, come gli orsi ed i lupi, ed è tornato a casa percorrendo quasi 200 chilometri in poco più di due giorni. Il suo padrone, che l'aveva destinato al canile, aveva le lacrime agli occhi, a testimonianza di quanto fosse sorpreso dalla fedeltà del suo cane. Vedremo se, dopo questo gesto amorevole ed incredibile di Maru, il cane rimarrà a casa o andrà comunque al canile.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!