Iscriviti

Piccione da corsa venduto per 1.6 milioni di euro, è record

Un piccione da corsa di nome New Kim è stato venduto in Belgio alla cifra record di 1.6 milioni di euro. Ad aggiudicarselo un anonimo acquirente cinese che potrebbe utilizzarlo per la riproduzione in allevamento.

Natura e Animali
Pubblicato il 16 novembre 2020, alle ore 22:14

Mi piace
8
0
Piccione da corsa venduto per 1.6 milioni di euro, è record

Si è svolta domenica in Belgio l’incredibile asta che ha visto la vendita di un piccione da corsa per la cifra record di un milione e seicentomila euro.
Il costoso pennuto, un esemplare femmina che si chiama New Kim ed ha tre anni, è stato venduto dalla casa d’aste belga Pigeon Paradise (PIPA) in una asta online che ha visto nell’ultima mezzora una gara al rilancio tra due compratori cinesi che ha fatto innalzare il prezzo di vendita. Viene così infranto il precedente record di 1.25 milioni spesi per acquistare il piccione Armando, soprannominato il “Lewis Hamilton dei piccioni”.

New Kim, originaria di Antwerp, è stata venduta all’anonimo compratore cinese che la utilizzerà probabilmente per la riproduzione in allevamento, come solitamente viene fatto con i cavalli da corsa campioni.
Potrà sembrare strano pagare cifre così elevate, ma pare che in Cina le corse di piccioni siano estremamente popolari e che diano vita ad un business milionario. Si pensava che questo sport fosse in declino, fino a che alle aste i prezzi per i potenziali campioni e per i volatili vincenti non hanno visto i prezzi innalzarsi come mai prima.

Credo sia un record mondiale, non c’è mai stata una vendita ufficiale e documentata ad un prezzo tale, ” ha confermato il capo della PIPA Nikolaas Gyselbrecht, confessando che non pensava che avrebbero raggiunto tali cifre. New Kim si è guadagnata nel 2018 la corona come ‘ Piccione Asso Grand National Medie Distanze’ in gare tenutesi presso Châteauroux ed Argenton-sur-Creuse in Francia.

I migliori uccelli europei hanno vinto fama globale negli ultimi anni, e facoltosi compratori dell’Asia e del Golfo hanno fatto innalzare i prezzi per questi animali con l’innata abilità di volare per centinaia di miglia e ritrovare poi la strada di casa,
Le corse di piccioni sono tradizioni del Belgio e dell’Olanda che si sono diffuse anche nel nord della Francia, mentre le prime corse di piccioni in Cina furono registrate durante la Dinastia Ming dal 1368 ed il 1644, quando iniziò l’importazione di volatili dall’Europa.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Anna Santini

Anna Santini - Non posso neanche immaginare il giro di scommesse e soldi che esista dietro a queste corse, altrimenti cifre del genere sono assolutamente impensabili. Quasi due milioni di euro per un piccione quando ne troviamo a bizzeffe nelle piazze italiane, viene quasi voglia di andare a rapirne un paio e cercare di allenarli.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!