Iscriviti

Parlare al gatto è un segno distintivo, lo dice la scienza

Se parlate con il vostro gatto o animale domestico, state tranquilli perché non soffrite di nessuna malattia o disturbo mentale. Si tratta di un segno distintivo in base a quanto emerso da illustri esperti in questo campo che hanno studiato la situazione.

Natura e Animali
Pubblicato il 20 luglio 2020, alle ore 10:57

Mi piace
10
0
Parlare al gatto è un segno distintivo, lo dice la scienza

Chi ha un gatto gli sarà capitato di parlare con lui intavolando delle vere e proprie discussioni. Non vi preoccupate, non siete strani e neanche fuori luogo, oltre non essere gli unici a farlo. In base ad alcune ricerche condotte da esperti del settore, parlare al proprio gatto è un segno distintivo, secondo la scienza. Ecco cosa è emerso da alcuni studi e analisi che sono state effettuate. 

Magari pensi di essere pazzo perché parli con il tuo gatto, ma sappi che è una cosa del tutto comune e normale. Si tratta di un fatto comune, anche se non tutti lo ammettono in quanto possono vedere in questo atteggiamento dei segnali di antropomorfismo, ossia attribuire all’amico a quattro zampe delle reazioni e qualità umane. 

La scienza non pensa assolutamente che tu abbia qualche problema o sia pazzo, ma lo ritiene un atteggiamento normale. La stessa situazione vale anche con un cane o un qualsiasi altro animale domestico con il quale parlate durante la giornata. In base al parere del dr Nickloas Hepley dell’Università di Chicago e anche il direttore di uno studio riguardo questo fatto, etichettare come “pazzo” chi parla con il gatto è errato. 

Secondo l’esperto del settore “riconoscere lo spirito di un altro essere umano implica gli stessi processi psicologici del riconoscere uno spirito in altri animali.” Secondo lui, non si tratta di un segno di stupidità o di pazzia, ma semplicemente di un riflesso da parte del cervello e, quindi, segno di intelligenza. 

In base alle sue opinioni e studi, se parlate con il vostro animale a quattro zampe, non dovete preoccuparvi perché non avete nessun problema a livello mentale, anzi, è un ulteriore segnale dell’affetto che provate nei suoi confronti. L’anno scorso, proprio in base a questo sondaggio, su Twitter è stato posto un sondaggio in seguito al quale è emerso che sono tantissime le persone che parlano con il proprio amico felino, quindi non preoccupatevi, perché siete in buona compagnia.

Inoltre, dal sondaggio è anche risultato che, soltanto chi ha un gatto o animale domestico, può capire quanto sia forte e grande il rapporto che si crea tra il proprietario e l’amico a quattro zampe; per cui non sorprende affatto che molti parlino al proprio micio proprio come fosse un parente o un amico con il quale confidarsi.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Simona Bernini

Simona Bernini - Personalmente sono d'accordo con l'esperto del settore. Non credo affatto che sia pazzo o soffra di qualche disturbo psichico chi parla con l'amico a quattro zampe, anzi penso sia un modo per raccontargli cosa accade e non sentirsi soli. Si tratta semplicemente di un ulteriore segnale che mostra quanto sia importante e forte il legame che esiste tra il proprietario e il suo fedele amico.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!