Iscriviti

New England Aquarium, anaconda partorisce senza accoppiamento

Incredibile ma vero, nell'acquario del New England, all'interno del quale non sono presenti esemplari maschi di questa tipologia di serpente, sono nati dei piccoli di anaconda.

Natura e Animali
Pubblicato il 30 maggio 2019, alle ore 00:32

Mi piace
5
0
New England Aquarium, anaconda partorisce senza accoppiamento

Presso il New England Aquarium, l’acquario pubblico di Boston, nel Massachusetts, sono recentemente venuti alla luce alcuni piccoli di anaconda, nonostante non siano presenti esemplari maschi di questo genere di serpente. Grazie ad alcuni test del DNA effettuati sui neonati e sulla madre Anna (questo il nome dato al rettile), gli scienziati hanno potuto dimostrare che questo parto è avvenuto grazie alla partenogenesi.

I piccoli sono infatti dei perfetti cloni genetici di Anna, la quale per il concepimento non ha avuto bisogno di alcun tipo di rapporto sessuale e di accoppiamento. Ecco quindi che i figli di Anna sono un raro caso di riproduzione non sessuale, la quale prende il nome, appunto, di partenogenesi.

Questo termine arriva dal greco e tradotto vuol dire “riproduzione virginale” e avviene solitamente nelle piante e negli insetti di piccola dimensione. Gli studi dimostrano infatti che questo processo, che consente di riprodursi senza l’accoppiamento con il maschio, è un evento raro se avviene nei vertebrati: in passato sono stati documentati casi di partenogenesi nelle lucertole, negli uccelli, nei serpenti e negli squali.

Per quanto riguarda il caso specifico, invece, questo è il secondo nel mondo che avviene nella specie degli anaconda. In passato infatti è avvenuto solamente un’altra volta, presso uno zoo del Regno Unito nel 2014. Cinque anni dopo gli scienziati sono felici di annunciare che questo caso si è ripetuto, aprendo nuove possibilità anche in animali più grandi degli insetti.

I piccoli di Anna al momento del parto erano tre, ma purtroppo uno era nato già senza vita, cosa che succede frequentemente nelle partenogenesi dei vertebrati. Dall’acquario hanno fatto sapere inoltre che Anna, che arrivata all’età di 8 anni pesa ben 13 chili ed è lunga 3 metri, sta ottimamente e, con lei, anche i due piccoli continuano a crescere sotto la luce calda delle lampade e cercano di esplorare il mondo che li circonda, seppur sia un mondo un po’ ristretto rispetto a quello reale.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Dèsirèe Dalla Fontana

Dèsirèe Dalla Fontana - Penso che sia sempre bello quando la natura ci dimostra quanto essa possa essere forte. La mancata presenza di un maschio all'interno dell'acquario ha fatto capire all'anaconda che per procreare avrebbe dovuto arrangiarsi ed ha dato alla luce questi due bellissimi cloni di sé stessa. La natura è magica e questa è una delle tante conferme. Siamo solo noi esseri umani che spesso tendiamo a distruggerla.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!