Iscriviti

Lockdown: i satelliti mostrano gli evidenti effetti positivi sulla natura

I satelliti hanno mostrato come la natura si sia ripresa i suoi spazi in poche settimane. Ma se tutto torna come prima, le migliorie non dureranno a lungo (Pahlevan)

Natura e Animali
Pubblicato il 5 gennaio 2021, alle ore 13:50

Mi piace
10
0
Lockdown: i satelliti mostrano gli evidenti effetti positivi sulla natura

Un progetto dell’Earth Data Covid-19 della Nasa ha ripreso con i satelliti cosa sta accadendo alla natura in questo tempo di lockdown. Il risultato va oltre quanto ci si sarebbe aspettati: “la natura ha ripreso il suo spazio” ha scritto Jaime D’Alessandro in articolo di repubblica.it. L’inquinamento atmosferico è diminuito di un terzo e il miglioramento della qualità dell’acqua e dell’aria è registrato oltre il 40%.

Il ricercatore iraniano, Nima Pahlevan, che opera presso il Goddard Space Flight Center della Nasa, ha osservato in collaborazione con la Columbia University l’impatto della pandemia sulla qualità dell’acqua, a San Francisco e in altre città. Durante il lockdown due milioni di pendolari hanno smesso di andare e venire da Manhattan a New York e i cambiamenti sono stati evidenti: “La riduzione del traffico lungo il fiume Hudson ha permesso alle acque di tornare trasparenti“. A Venezia è successo qualcosa di simile si legge sulla rivista Science of the Total Environment, che, a maggio, ha pubblicato una ricerca del Cnr.

Al progetto Earth Data Covid-19 hanno partecipato diverse istituzioni, tra queste l’Agenzia Spaziale Europea (Esa). Tutti i risultati ottenuti hanno rilevato effetti macroscopici in assenza della pressione esercitata dall’uomo sull’ambientesi legge nell’articolo di repubblica.it, anche se non tutti i risultati sono univoci e per questo c’è ancora bisogno di studiare quanto sta accadendo.

In India le attività industriali si sono rallentate in conseguenza alle misure anti Covid-19, la qualità dell’aria ha dato immediatamente segnali di miglioramento: i livelli di inquinamento sono diminuiti di un terzo rispetto al periodo precedente secondo i dati raccolti dai satelliti Landsat.

Interessante lo studio di Ned Bair dell’Earth Research Institute (Università della California di Santa Barbara), il ricercatore ha osservato i cambiamenti del bacino del fiume Indo: la pulizia della neve ha consentito di sciogliersi “con più lentezza evitando che una massa di acqua sufficiente a riempire per due volte il Lago Maggiore finisse nell’Indo” si legge in repubblica.it.

Il ricercatore Pahlevan spiega che le migliorie non dureranno: “Se dovessimo tornare alla quotidianità che avevamo prima della pandemia”. Poi ha riferito che i progetti avviati sono solo il primo passo, si arriverà “ad una analisi in tempo reale continua in dieci anni circa“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - Trovo interessanti questi risultati. Potessimo averli raccolti senza la mascherina e il distanziamento sociale! Ed invece no, abbiamo bisogno di essere "educati", con metodi primitivi. Eravamo al limite quando Greta Thunberg ha alzato la voce, ma non era l'unica a parlarne, la sua giovane età ha attirato di più l'attenzione. Anche l'enciclica del Papa, Laudato Si (2015), ha fatto clamore, ma in fretta è stata riposta nel cassetto, solo in questi giorni è stata rivalutata. Credo ci sia estremamente bisogno di uno stile di vita "nuovo" che dobbiamo trovare tutti insieme!

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!