Iscriviti

Lao Mao, l’uomo che salva gli animali abbandonati a Wuhan

Lao Mao è un volontario quarantatreenne che, da qualche giorno, sta rischiando la sua vita per salvare gli animali abbandonati a Wuahn, dando loro cibo e acqua.

Natura e Animali
Pubblicato il 4 febbraio 2020, alle ore 11:28

Mi piace
10
0
Lao Mao, l’uomo che salva gli animali abbandonati a Wuhan

Le notizie che arrivano dalla Cina peggiorano di giorno in giorno: dopo le vittime uccise dal Coronavirus, adesso si muore anche a causa della psicosi generata dallo stesso. Da Wuhan, però, arriva anche una notizia che dà speranza: un quarantatreenne starebbe rischiando la sua vita per salvare gli animali domestici abbandonati.

Lao Mao, questo è il soprannome che l’uomo utilizza sui suoi profili social, si sarebbe arrampicato sui tubi arrugginiti di un palazzo al fine di raggiungere un balcone al terzo piano; nello stesso, dove abitava una coppia di anziani che dopo una vacanza non sarebbe potuta rientrare a causa dei blocchi messi in città, erano rimasti due gatti. Gli animali, che non venivano nutriti da almeno dieci giorni, sarebbero stati trovati nascosti sotto un divano, a malapena vivi.

Lao Mao, quindi, avrebbe telefonato ai proprietari che, vedendo i due felini, si sarebbero commossi fino alle lacrime. La coppia racconta di aver conosciuto l’uomo proprio grazie ai social network e, tramite alcuni messaggi, gli avrebbero chiesto aiuto per i due gattini rimasti intrappolati a casa; come loro, molte altre persone che si ritrovano lontane dalla loro abitazione, sia perchè in quarantena, sia perchè bloccati in altre province, chiedono l’aiuto dei volontari.

L’uomo afferma di aver stimato che, in base alle persone che hanno abbandonato Wuhan, gli animali domestici lasciati soli a casa sarebbero circa 50.000. “I volontari del nostro team, me compreso, hanno salvato più di 1.000 animali domestici dal 25 gennaio” racconta Lao Mao, rifiutandosi di svelare il suo vero non per non preoccupare la famiglia, che non sa che è in giro per la città a svolgere la sua missione. “Il mio telefono non smette mai di squillare in questi giorni. Dormo a malapena” conclude.

Senza questi interventi molti animali domestici morirebbero. Alla luce dei recenti casi di cani e gatti gettati dalle finestre, per un’irrazionale paura circa il contagio da Coronavirus, la piccola contea di Suichang, avrebbe ordinato ai proprietari di animali di tenerli in casa, quelli catturati verranno sterminati.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Laura Filippi

Laura Filippi - La situazione in Cina sta sfuggendo di mano, forse più per la paura, spesso infondata, legata al virus che per il concreto pericolo dello stesso. Il comportamento di Lao Mao e degli altri volontari è davvero lodevole e sicuramente molto apprezzato da chi è in pena per i propri amici a quattro zampe.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!