Iscriviti

La triste fine del cane Roccia, ucciso da un colpo di fucile

Il povero cane Roccia ha avuto una fine indegna per chiunque: qualcuno ha pensato di porre termine alla sua vita per la sola colpa di essere molto vivace e allegro.

Natura e Animali
Pubblicato il 14 gennaio 2018, alle ore 10:22

Mi piace
14
0
La triste fine del cane Roccia, ucciso da un colpo di fucile

Il cane Roccia è nato il 28 dicembre 2016 ed ha vissuto per più di un anno nel suo giardino: Roccia è un bel maremmano incrociato con un dogo argentino, dal pelo bianco, che trasmette allegria a chiunque possa vederlo nelle foto, con uno sguardo simpatico. A casa sua il maremmano ha sempre vissuto con i suoi padroni che lo hanno sempre trattato bene e con amore, in particolare la sua padrona, Cristina Costalonga.

Probabilmente c’è una persona cupa che non ha mai apprezzato l’abbaiare e la felicità del maremmano bianco e che ha vissuto la presenza di questo gioioso canide come un fastidio nel corso di tutto l’ultimo anno appena trascorso. Questa persona, probabilmente giunta ad un rancore estremo, ha deciso di chiudere la questione per sempre.

Questo oscuro e vigliacco personaggio si è presentato nella località Fasena, nel comune di Costeggiola di Negrar (Verona) e ha punito l’animale nel modo più vile che si potrebbe: colpendolo dal dietro con un colpo di fucile a canne mozze, lo stesso che in quella zona si utilizza normalmente per dare la caccia ai cinghiali. Il cane non ha visto nemmeno l’assassino ed è morto sul colpo.

L’uccisore del cane Roccia, fra l’altro. è entrato in giardino scavalcando le recinzioni, violando anche la proprietà privata, e questo ha reso anche la signora Cristina molto preoccupata. Nel momento dello sparo lei non era presente e i vicini non hanno visto dileguarsi questo losco figuro che è stato molto lesto anche a farla franca.

La signora Cristina, vista l’evoluzione negativa della situazione, in quanto a mancanza di indizi, tracce e testimonianze, ha fatto denuncia ai Carabinieri di zona, che esamineranno nel corso dei prossimi giorni le videocamere comunali di controllo del territorio per dare un nome al responsabile della morte del giovane cane Roccia, il quale sicuramente non ha avuto alcuna colpa per meritarsi questa fine indegna.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Una persona che uccide un cane come un vigliacco, addirittura da dietro, senza che la povera bestiola si sia nemmeno resa conto del pericolo e dell'assassino, non merita aggettivi civili per essere citata; al massimo si può dire che si tratta di una persona di una nefandezza bassissima e di una malvagità brutale. Quando verrà catturato (ripongo molta fiducia nei Carabinieri di zona), questo personaggio sarà odiato da tutti coloro che amano gli animali e da tutti coloro che hanno un briciolo di civiltà: sicuramente si tratta comunque di una persona priva di ogni principio morale.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!