Iscriviti

In America anche gli animali domestici sono obesi o in sovrappeso

Che gli americani siano un popolo in cui il sovrappeso e l'obesità sono la norma è risaputo, ma sembrerebbe che anche i loro animali stiano diventando sempre più grassi: circa un terzo tra gatti e cani negli Stati Uniti sono in sovrappeso o obesi.

Natura e Animali
Pubblicato il 4 luglio 2017, alle ore 17:58

Mi piace
21
0
In America anche gli animali domestici sono obesi o in sovrappeso
Pubblicità

I ricercatori della catena ospedaliera Banfield hanno analizzato informazioni da circa 2,5 milioni di cani e mezzo milione di gatti, che sono stati osservati nelle loro cliniche durante il 2016 e hanno così redatto una relazione veramente sconcertante: circa un terzo degli animali domestici è in uno stato di sovrappeso o obesità.
È interessante notare che gli Stati con i più alti tassi di obesità negli animali domestici spesso non sono gli stessi degli stati con i più alti tassi di obesità umana. Ad esempio, gli Stati del sud, tra cui Louisiana, Alabama e Mississippi, hanno alcuni dei tassi di obesità umana più elevati della nazione, ma hanno avuto alcuni dei tassi più bassi di obesità negli animali domestici.

Lo stato con la più grande percentuale di animali domestici in sovrappeso è stato il Minnesota, in cui il 41% dei cani ed il 46% dei gatti sono obesi. La relazione Banfield mette in evidenza la crescente tendenza dell’obesità negli animali domestici.
Negli ultimi 10 anni, la percentuale di gatti e cani in sovrappeso è aumentata più del 150 per cento. La tendenza è preoccupante perché l’obesità negli animali, come nell’uomo, è legata ad un aumento del rischio di problemi sanitari.

Ad esempio, come la percentuale di animali in sovrappeso e obesi è aumentata, così aumentano i tassi di malattie che possono verificarsi con l’obesità, come l’artrite. Nel rapporto Banfield vengono elencate 11 malattie che possono insorgere nell’animale domestico a causa di una scorretta alimentazione.

Tutto ciò si traduce in costi aggiuntivi per i proprietari di animali domestici. I proprietari di cani in sovrappeso spendono il 17% in più sui costi sanitari dei loro cani, ed i proprietari di gatti in sovrappeso spendono il 36% in più sui costi sanitari, rispetto ai proprietari con cani e gatti sani.

Ci possono essere parecchie ragioni per l’aumento dell’obesità dell’animale domestico, comprese le idee sbagliate su quando un animale è da considerarsi in “sovrappeso” . I cani e i gatti in sovrappeso possono diventare il “nuovo normale” e le persone potrebbero essere incerte circa quanto dovrebbero alimentare i loro animali domestici.

Tutto ciò, secondo Banfield, va a complicare il problema. Per ridurre le probabilità di obesità nell’animale domestico, Banfield raccomanda di ridurre i pasti ed aumentare l’esercizio da fare insieme con gli animali. Ad esempio, i proprietari di cani dovrebbero aumentare i momenti per una passeggiata a piedi o per giocare con il proprio compagno a quattro zampe, ed i proprietari di gatti dovrebbero farli giocare con una jingle palla o con altri giochi a loro dedicati. I proprietari, inoltre, dovrebbero portare dal veterinario i propri animali domestici regolarmente per i controlli e parlare riguardo ad una consulenza nutrizionale.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Silvana Franchini

Silvana Franchini - Anche in Italia l'obesità tra i nostri animali domestici sta aumentando. La colpa è ovviamente del proprietario che pensando di far loro del bene esagera con la quantità di cibo, o acconsente a snack fuori orario, o non riesce a trattenersi da elargire cibo quando si siede a tavola per mangiare. Purtroppo sono però tutti atteggiamenti sbagliati, che anche se fatti con il cuore vanno a nuocere la salute dei nostri cari amici animali.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!