Iscriviti

Il regime iraniano uccide 1700 cani, in progetto una legge per vietare gli animali domestici

Nel fine settimana il regime iraniano è entrato in un canile e sterminato 1700 cani. Nel paese è in progetto una legge che vieta gli animali domestici, come cani, gatti, conigli e altri. "Sono un simbolo di decadenza, una minaccia alla famiglia sana".

Natura e Animali
Pubblicato il 4 agosto 2022, alle ore 10:36

Mi piace
3
0
Il regime iraniano uccide 1700 cani, in progetto una legge per vietare gli animali domestici

Ascolta questo articolo

Gli animalisti sono in protesta contro il regime del Presidente Ebrahim Raisi in Iran, dopo che le autorità sono entrate con la forza in un canile ed hanno ucciso senza pietà circa 1700 cani ospitati nella struttura. Il massacro è avvenuto nel corso del fine settimana, e pare che sia in progetto una legge per limitare o vietare il possesso di qualsiasi animale domestico nel paese.

Un video straziante, condiviso sui social media e diventato virale, mostra una volontaria in lacrime, mentre tiene tra le braccia uno dei cani uccisi nel raid. “Questo era il più vulnerabile e obbediente“, dice singhiozzando, mentre il video si sposta per mostrare diversi altri corpi degli animali, uccisi e lasciati vicino la strada e in una valle vicina.

A condividere la notizia a livello internazionale è stato il giornalista iraniano Masih Alinejad, che ha commentato: “I governatori spietati della Repubblica islamica dell’Iran non risparmiano nessuno. Oltre a reprimere le donne, le minoranze etniche e religiose, i membri della comunità LGBTQ, annualmente uccidono anche innumerevoli cani randagi“.

Il massacro arriva proprio nel momento in cui i legislatori del paese stanno per emanare una legge che restringerebbe la possibilità di possedere animali domestici senza il possesso di un permesso speciale. La normativa imporrebbe anche multe considerevoli verso chi “importa, compra, vende, trasporta, alleva e mantiene diversi animali domestici comuni, che alcuni parlamentari ritengono essere un simbolo di decadenza che potrebbe rimpiazzare le dinamiche familiari sane.

La legge, proposta a Dicembre, si basa sul fatto che, sotto la Legge Islamica, i cani e gli altri animali sono impuri, e condanna la pratica per cui gli umani vivano sotto lo stesso tetto con animali domestici. Tra gli animali considerati “selvatici, dannosi e pericolosi” che non potrebbero più neanche essere portati fuori e tenuti in casa,”coccodrilli, tartarughe, serpenti, lucertole, gatti, topi, conigli, cani e altri animali impuri, nonché scimmie“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Anna Santini

Anna Santini - Qui si parla di vera e propria insanità mentale, da che mondo è mondo gli umani hanno sempre tenuto animali domestici, è così che dal lupo si è passati al cane. Mi dispiace tantissimo per le persone costrette a vivere sotto regimi di questo tipo, dove anche i diritti minimi e basilari vengono pesantemente calpestati.

Lascia un tuo commento
Commenti
Simona Bernini
Simona Bernini

04 agosto 2022 - 14:31:29

Poveri cagnolini. Se solo capissero quanto possa fare bene la presenza di questo animale nelle nostre vite...

0
Rispondi