Iscriviti

Il gatto Giacobbe parla! Arrivato alla porta, chiede: "Aprimi"

Il gatto Giacobbe vive in Russia e al suo padrone di casa chiede in modo molto chiaro "Aprimi", ovviamente in russo, in riferimento alla porta, quando vuole uscire all'esterno. Il video su Internet ha raggiunto milioni di visualizzazioni.

Natura e Animali
Pubblicato il 15 marzo 2018, alle ore 10:00

Mi piace
13
0
Il gatto Giacobbe parla! Arrivato alla porta, chiede: "Aprimi"

Il gatto Giacobbe è un felino dal pelo grigio tutto sommato normale, carino e con un atteggiamento elegante. Questo gatto è assolutamente speciale sotto altri punti di vista, perché, secondo quanto dimostra un video girato con un comune telefonino, Giacobbe sa anche parlare e farsi comprendere. Incredibile a dirsi.

Basta dare un occhio al video, presente su tutte le maggiori piattaformi video e su moltissimi notiziari, per comprendere il contesto in cui questo quattro zampe esprime delle capacità così simili a quelle umane. Il gatto vive in una casa in Russia, con il suo padrone, una comune abitazione piena di oggetti e di mobili: molti luoghi della casa sono anche dedicati al gatto Giacobbe.

Il suo padrone, Alexei Borisov, lo riprende mentre il gatto accorre verso la porta; Giacobbe si mette davanti all’uscio e dapprima pare miagolare in modo strano, poi sembra esprimere una specie di parola, lontana dal comune miagolio, che corrisponde effettivamente ai vocaboli “Otkroj mne!”, che nella madrelingua russa significa proprio “Aprimi!”.

Il gatto non esita di certo di mostrare la sua capacità vocale davanti al telefono mentre viene filmato, e tantomeno non cede di fronte alla propria richiesta: “Otkroj mne!” viene ripetuto molte volte, fino a che Alexei non gli apre la porta che conduce verso l’esterno. Giacobbe ripete sempre queste parole ogni volta che vuole andare a farsi una passeggiata in giardino o un giretto all’esterno, secondo quando dice Alexei.

Il gatto Giacobbe ha imparato molto bene ad esprimere queste parole ed alle orecchie del suo padrone risultano molto comprensibile. Probabilmente Alexei gli ha insegnato, nel corso degli anni, a parlare con le parole giuste per inoltrare ogni giorno questa richiesta e Giacobbe ha imparato come un vero fenomeno, da gatto speciale, che, grazie a questa sua capacità molto sviluppata, ha riscosso successo in tutto il mondo tramite Internet.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Il gatto Giacobbe deve essere molto speciale: il suo padrone deve avergli insegnato quasi certamente ad esprimere questa richiesta, ma per un quattro zampe abituato solo a miagolare, non deve essere semplice tirar fuori sillabe usate dagli umani, specie se queste abbiano un senso. La richiesta di aprire la porta è diventata ormai un'abitudine per Alexei, ma deve essere davvero emozionante sentirla esprimere nella propria lingua, il russo, anziché richiederla con graffi alla porta e miagolii.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!