Iscriviti

Gatta impallinata come bersaglio per la prova del fucile: brutto episodio a Cantù

Una gatta è stata impallinata a Cantù, in Brianza. L'obiettivo del gesto è tanto chiaro quanto spregevole: la gatta è stata utilizzata come bersaglio per la prova del nuovo fucile.

Natura e Animali
Pubblicato il 17 marzo 2018, alle ore 12:39

Mi piace
13
0
Gatta impallinata come bersaglio per la prova del fucile: brutto episodio a Cantù

Continuano gli episodi di violenza ingiustificata sugli animali. A Cantù, in Brianza, la gatta Principessa è stata la vittima di una sparatoria. La bella gatta, di quattro anni, distinguibile per il suo pelo bianco a chiazze nere e per gli occhi attenti e vigili, è spesso stata notata camminare per le vie limitrofe a via Mazzini, una delle arterie principali della città canturina.

Il fattaccio che l’ha coinvolta è avvenuto proprio in quella zona: qualcuno ha utilizzato il proprio fucile per prendere di mira la gatta, e quasi certamente la persona armata deve averla inseguita e spaventata per metterla in un angolo, quindi, in quel momento, l’individuo misterioso ha sparato il colpo che ha ferito la micetta con quattro pallini.

Dal tipo di ferite e di proiettili ritrovati (uno di questi si è conficcato accanto al naso di Principessa), si presume che l’arma fosse una carabina ad aria compressa caricata a pallini, piombini metallici e non comuni pallini in plastica da tiro sportivo, segno che il responsabile del misfatto voleva fare male volontariamente alla gatta.

Questa persona, che per ora è in libertà e sulla quale non si hanno indizi rilevanti, è ricercata e rischia di essere condotta a processo e condannata per maltrattamento di animali, pena che prevede anche la detenzione carceraria, oltre che a una corposa ammenda e a una serie di pene accessorie, come ad esempio la possibilità del ritiro di un’eventuale porto d’armi.

Intanto la gatta Principessa sta meglio: i pallini sono stati rimossi e l’hanno colpita uno al viso, uno al collo, uno al bacino ed un quarto è arrivato fino ad un millimetro dal cuore: ancora un filo e Principessa sarebbe morta. La gatta, per recuperare appieno, dovrà seguire un periodo di riposo e di terapie che prevedono la disinfezione delle ferite e dei farmaci per evitare infiammazioni interne, ma presto tornerà a muoversi liberamente per Cantù come amava fare fino a questo spiacevole fatto delittuoso.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Adesso è l'ora di dire basta a tutte queste persone che si "divertono" a far male a degli animali indifesi: forse pensano che sfogandosi su di loro invece che su degli umani possano farla franca, ma evidentemente non sanno che anche per il maltrattamento sugli animali è previsto il carcere. Tutti noi che amiamo gli animali dobbiamo sollevare la voce, sul Web, nella società della nostra città e fra i nostri amici, sul fatto che gli animali da compagnia devono essere trattati come amici, non come carne da macello ambulante, per essere chiari.

Lascia un tuo commento
Commenti
Eugenia Campione
Eugenia Campione

18 marzo 2018 - 21:11:25

Sono inorridita !!""

0
Rispondi