Iscriviti

Florida, trascina sadicamente a morte uno squalo: condannato

Il 30enne Robert Lee Benac, che si è divertito a trascinare a morte uno squalo, pubblicando orgoglioso il video in Internet, è stato condannato per crudeltà verso gli animali: nella sentenza vi sono anche 125 ore da dedicare in un rifugio di animali.

Natura e Animali
Pubblicato il 17 settembre 2019, alle ore 13:43

Mi piace
6
0

Robert Lee Benac ha deciso di divertirsi uccidendo uno squalo e condividendone il video in rete il 26 giugno 2017, come una sorta di trofeo di cui andare fieri: assieme ad altri due uomini, il 30enne rideva felice mentre trascinava a morte lo squalo, dietro ad una barca ad alta velocità. Fortunatamente il pescatore Mark Quartiano, di Miami, dopo essere inorridito alla visione del video, ha deciso di renderlo pubblico su Instagram per promuovere il riconoscimento degli uomini e la loro cattura.

L’Hillsbourgh County, però, non l’ha trovato altrettanto divertente e venerdì l’uomo, difeso dall’avvocato Justin Brent Petredis, è stato inizialmente accusato per due crimini legati alla crudeltà verso gli animali: successivamente al patteggiamento, però, il tribunale ha ritirato una delle due denunce e ridotto l’altra, condannandolo infine a 10 giorni di prigione da scontare nei fine settimana, oltre ad 11 mesi di libertà vigilata, la revoca della licenza di pesca per 3 anni, una multa di $ 2.500 e 250 ore di servizio da svolgere in comunità, tra cui in un rifugio per animali.

Proprio così: Benac dovrà dedicare 125 ore all’accudimento di animali abbandonati, lui che trovava piacere nel trascinare a morte uno squalo mentre lottava disperatamente per sopravvivere dopo essere stato colpito, secondo gli Investigatori della Fauna Selvatica della Florida.

Benac avrebbe già iniziato a scontare la sua pena nel carcere durante lo scorso weekend, mentre anche i suoi due complici, Michael Wenzel e Spencer Heintz, sono stati accusati di reato, secondo il Tampa Bay Times.

Il Selachimorpha, noto anche come squalo o pescecane, fa parte del superordine dei pesci cartilaginei predatori: con le sue forti mascelle medio grandi, vive tra i 20 ed i 30 anni, anche se al più anziano esemplare di squalo della Groenlandia era stata stimata un’età che oscillava tra i 272 e i 512 anni.

La popolazione è purtroppo in rapido declino dato che recentemente è aumentata la domanda di prodotti legati alla pesca: alcune specie sono addirittura calate del 90%. A tal proposito quindi molti governi delle Nazioni Unite hanno cercato di arginare il problema, che sta peggiorando anche a causa delle alterazioni del loro habitat naturale conseguente allo sviluppo edilizio delle coste, all’inquinamento ed alla pesca di molte loro prede, così come all’ingente richiesta delle loro pinne per la preparazione di zuppe in alcuni stati asiatici.

Cosa ne pensa l’autore
Lara Tubia

Lara Tubia - È stata fatta giustizia a chi fa gratuitamente e sadicamente del male agli animali: spero che questa condanna possa essere d’esempio e monito per il futuro, contribuendo a diminuire le violenze sugli animali, ad opera di persone senza scrupolo che sfogano le loro pulsioni e frustrazioni su chi è più debole ed indifeso di loro.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!