Iscriviti

Familiari dei bimbi che hanno tagliato le orecchie al cane: "Volevano renderlo più bello"

Non c'è mai limite al peggio. I familiari dei bambini che hanno tagliato con le forbici le orecchie ad un cane randagio ad Acate, nel Ragusano, ora provano a difenderli.

Natura e Animali
Pubblicato il 21 aprile 2021, alle ore 14:23

Mi piace
4
0
Familiari dei bimbi che hanno tagliato le orecchie al cane: "Volevano renderlo più bello"

Ha suscitato tanta indignazione la vicenda del cane randagio, un cucciolo, letteralmente mutilato ad Acate, nel Ragusano. Come sappiamo, un gruppo di bambini, di 9 e 10 anni, per divertimento o per noia, non si sa, ha pensato bene prima di avvicinare con le buone dei randagi, per poi accanirsi su uno di essi.

Al cucciolo sono state tagliate le orecchie con le forbicine per poi lasciarlo sanguinante, in preda a dolori strazianti, sull’asfalto. Per fortuna, un giovane passante, sentendone i lamenti e verificando le disastrose condizioni dell’animale, gli ha salvato la vita, affidandolo alle amorevoli cure di un veterinario che ha provveduto a ricucirgli le ferite.

I familiari dei bambini giustificano l’accaduto

Come se non bastasse, ad orrore si aggiunge altro orrore. Ora i familiari dei bambini coinvolti nella mutilazione del cucciolo, sui quali, data la giovane età, non sono scattate sanzioni ma solo la segnalazione ai servizi sociali, hanno provato a giustificare l’accaduto. La zia di uno di loro ha scritto: “Mio nipote non voleva uccidere il cane. Essendo un bambino, pensava di farlo più bello“. Un commento a dir poco sconcertante, lasciato sui social, che la donna è stata costretta a cancellare.

Il responsabile dell‘Oipa Ragusa, Riccardo Zingaro, ha dichiarato che quanto accaduto evidenzia un certo degrado sociale e l’assenza evidente delle istituzioni. L’episodio, che non deve, a mio avviso, passare per una bravata perchè si tratta di violenza ingiustificata su un essere vivente, ha sconvolto l’intera comunità e ha assunto rilevanza nazionale.

Il cagnolino per fortuna, dopo i tempestivi soccorsi, sta bene e, per il coraggio dimostrato durante le cure, è stato ribattezzato Leone. Tutta Acate lo ha, in un certo senso, adottato, prendendo a cuore la sua vicenda, vittima della crudeltà umana che non conosce limiti, seguendo con apprensione tutto il suo percorso di riabilitazione. Buona vita Leone!

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Non si può giustificare l'ingiustificabile e non deve passare il messaggio che dei bambini debbano mozzare orecchie ai cani per renderli più belli. Ma stiamo scherzando? Questa è follia pura! Credo che qui si tratti per davvero di degrado sociale, oltre che di valori e di mancata vigilanza dei genitori su cosa fanno figli minorenni fuori dalle mura domestiche, girando con coltelli e forbici.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!