Iscriviti

Donna riporta un cane a casa a 1.500 km di distanza, ciò che scopre è terribile

Grazie al microchip, una donna ha percorso oltre 1.500 chilometri attraversando tutti gli Stati Uniti per riportare a casa un cane perduto. Ciò che scopre all'arrivo è terribile.

Natura e Animali
Pubblicato il 15 marzo 2019, alle ore 21:53

Mi piace
19
1
Donna riporta un cane a casa a 1.500 km di distanza, ciò che scopre è terribile

Una donna stava camminando rilassandosi nelle estese campagne del Michigan, nel nord degli Stati Uniti e mentre svolgeva questa passeggiata salutare ha notato i movimenti ondivaghi e poco lineari di un cane, una femmina di Pitbull di circa un anno. La donna ha subito compreso che il cane non aveva un padrone e che poteva essere stato abbandonato, si è dunque avvicinata e lo ha preso con sè.

Dopo aver portato il Pitbull in un centro veterinario, la lettura del microchip non ha lasciato dubbi: il cane aveva un proprietario, ma si trovava in Florida, nel caldo sud-est degli USA, lontano dalle pianure del Michigan. Si è quindi intuito che il cane non doveva essere stato abbandonato: “Chi percorrerebbe migliaia di km per sbarazzarsi del suo cane?“, si è chiesta la donna.

Così questa signora, con tanta buona volontà e certa di compiere un gesto graditissimo, ha attraversato gli Stati Uniti, partendo dal Michigan e passando per Ohio, Tennessee e Georgia per giungere finalmente in Florida, percorrendo un totale di 1.500 chilometri, fino a giungere davanti alla casa in cui quel cucciolo di Pitbull doveva aver abitato.

Convinta di trovarsi di fronte una famiglia in festa al suono del campanello, questa brava persona si è invece ritrovata di fronte un ragazzo di 22 anni che, nel momento in cui ha visto il suo cane, si è spaventato e si è molto infuriato, invece di dimostrare una gioia incontenibile. Ebbene sì, quel ragazzo era andato fino in Michigan solo per liberarsi in maniera certa del suo cane, per non vederlo mai più, pensando anche lui che mai nessuno si sarebbe preso la briga di riportarlo al leggittimo proprietario, cosa che, invece, è realmente accaduta.

Il ragazzo ha semplicemente dichiarato che il cane doveva essere addestrato e lui non aveva tempo. Udita la risposta, la donna è tornata in Michigan con il giovane Pitbull ma, avendo già quattro cani, lo ha donato ad un rifugio per animali, che in tempo di record ha fortunatamente trovato un nuovo proprietario per la povera Blue.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Una storia assurda, doppiamente assurda, perché ad entrambe le persone protagoniste è venuto in mente un pensiero che non doveva e poteva essere reale: chi avrebbe abbandonato un cane a 1.500 km di distanza, e chi lo avrebbe riportato a casa da un luogo tanto lontano? Invece una bravissima signora ha attraversato tutti gli Stati Uniti per riportare a casa il giovane Pitbull, Blue, ma per tutta risposta il proprietario ha asserito di averlo abbandonato così lontano proprio per non rivederlo mai più. Al termine di questo racconto folle, per fortuna il lieto fine, in cui Blue ha trovato una nuova famiglia con la quale vivere serenamente.

Lascia un tuo commento
Commenti
Maria Guerricchio
Maria Guerricchio

16 marzo 2019 - 08:14:07

Mah...non mi pare possibile...Avendo nome,cognome e indirizzo non si poteva trovare il modo di contattarlo prima di fare tutti quei km?

0
Rispondi