Iscriviti

Diminuisce del 30% il consumo di carne in Italia: è il momento del cambiamento?

Secondo l'ultimo studio, il prezzo della carne all'ingrosso, in Italia, è scesa del 30% e le macellazioni sono diminuite del 4,5% nel bovino e del 15,8% in quello dei suini!.

Natura e Animali
Pubblicato il 27 agosto 2020, alle ore 17:55

Mi piace
9
1
Diminuisce del 30% il consumo di carne in Italia: è il momento del cambiamento?

Il consumo di carne e quindi la diminuzione delle uccisioni degli animali è crollata drasticamente durante il periodo del lockdown; forse un nesso è rintracciabile nella chiusura dei ristoranti, nonostante l’asporto abbia lavorato più del quadruplo rispetto ai periodi di normalità.

Il calo in percentuale secondo i dati Oicb

L’ Organizzazione interprofessionale della carne bovina-Oicb comunica i dati del suo studio e conferma un calo dell’acquisto della carne di vitello pari all’1,7% e nonostante l’Italia sia il quarto produttore europeo, nell’arco degli ultimi dieci anni ha perso ben 1/3 della macellazione e delle vendite.

Il calo nonostante gli aiuti del Governo 

Il Governo ha stanziato ben 35 milioni di euro per il comparto carni, tuttavia la misura non ha aiutato molto la criticità del settore e l’eccessiva produzione dovrà essere smaltita con un calo dei prezzi.

Da Gennaio a Maggio il calo delle macellazioni è dunque sceso del 4,5% per le carni bovine e del 15,8% per quelle suine. E secondo i dati della Commissione Europea il calo è destinato a proseguire durante tutto il resto del 2020.

E se fosse l’inizio del cambiamento?

Occorre dire però che le abitudini di vita e alimentari degli italiani stanno cambiando già da un pò di tempo e quindi l’avvento del Ccvid-19 è solo marginale. Oggi abbiamo maggiore informazione anche grazie a internet e i danni causati soprattutto dalla carne rossa non sono più un mistero. La scienza ha già confermato il suo legame con i tumori di vario tipo e quando insorgono problemi di salute di varia natura, si interviene sempre eliminando o diminuiendo il suo consumo. 

Non solo uccisioni, ma anche consumo del pianeta 

Il pianeta si sta consumando e nella maggior percenutale, i territori sono dedicati alla coltivazione della soia destinata all’alimentazione degli animali da macello. Stiamo parlando di oltre il 90% della produzione globale, arrecando un danno ambientale enorme. 

Forse l’uomo inizia a prendere consapevolezza che è il momento di cambiare?

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Silvana Loddo

Silvana Loddo - La mia opinione è che nonostante i danni fatti da internet e dal pessimo uso che l'uomo riesce a farne, per molti versi è anche una conquista sensazionale. Molte persone hanno finalmente modo di vedere cosa accade realmente dentro i macelli, di rendersi conto che un'alimentazione vegetale è del tutto sana, naturale e possibile. E' finalmente morto il mito del vegano-vegetariano malato, debole ed emaciato che troppo spesso si è voluto dare per convincere dell'importanza della carne e dei suoi derivati come alimentazione umana.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!