Iscriviti

Coronavirus, la Cina propone il divieto di consumo di carne di cane

Cane infetto ad Hong Kong apre le porte ad un possibile divieto di consumo di carne di cane in Cina.

Natura e Animali
Pubblicato il 29 febbraio 2020, alle ore 21:26

Mi piace
13
0
Coronavirus, la Cina propone il divieto di consumo di carne di cane

La battaglia che in Cina vede animalisti e sostenitori della cucina tradizionale sembrava senza soluzione: vietare il consumo di carne canina o permettere manifestazioni luculliane come il festival di Yulin, in cui 10.000 cani diventano fonte di alimentazione umana? Ad aprire le porte agli animalisti di tutto il mondo, in modo inatteso, è il Coronavirus che affligge la Cina, l’Italia e molte altre nazioni.

È stato sufficiente il test positivo su un cane con difficoltà respiratorie a rendere più concreta una proposta di legge senza precedenti: ad Hong Kong, enclave cinese, un esemplare non risulta malato ma ha presentato una presenza minima di Coronavirus nel proprio corpo. L’animale era di proprietà di una donna cinese sessantenne, ricoverata da due settimane per infezione in fase avanzata da Covid-19.

La presenza, anche solamente come ospite e non come forma infettiva, di Coronavirus nei cani, renderebbe estremamente pericolosa l’assunzione delle carni macellate di esemplari canini, le quali si consumano nella cucina tipica cinese, specialmente in alcune zone rurali, ed in quantità industriali nella manifestazione sopra citata. Il governo cinese sta perciò orientandosi verso il divieto di macellazione e consumo di carne canina.

La World Dog Alliance, una delle associazioni che più si spendono per questo divieto (fondata dal regista giapponese Genlin), ha colto al balzo questa palla resa a sorpresa dal Covid-19. Il cineasta nipponico si esprime in questi termini: “La situazione che si è venuta a creare può essere però una buona occasione per rilanciare la battaglia in favore del divieto della vendita di carne di cane in Cina. Abbiamo il sostegno di molti parlamentari cinesi e speriamo di riuscire a raggiungere un buon risultato“.

La mobilitazione internazionale sta riscuotendo un largo consenso, a partire, come riferisce Genlin, da buona parte dei deputati cinesi, ma di molti parlamentari degli Stati Uniti, dal presidente Trump in persona e da altre autorità europee ed internazionali. La proposta di un bando internazionale sul consumo di carne di cane verrà probabilmente approvata in primo luogo in Cina e, successivamente, estesa al resto dei Paesi del sud-est asiatico. L’obiettivo di porre fine a questo massacro canino entro la fine del 2020 potrebbe diventare presto realtà.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Claudio Bosisio

Claudio Bosisio - Coronavirus batte Festival di Yulin 1-0. È la semplificazione in pochi termini di questa notizia, positiva in maniera esagerata, specie per chi tiene molto alla vita dei cani e degli animali da compagnia. È bastato riscontrare la presenza non infettiva del Covid-19 in un cane per rendere possibile la proposta di bandire per sempre il consumo di carne canina in Cina. Questa battaglia di civiltà deve essere vinta.

Lascia un tuo commento
Commenti
Maria Guerricchio
Maria Guerricchio

01 marzo 2020 - 16:53:43

siamo ancora al proporre...C.S.R.(ComeStiamoRovinati)

0
Rispondi