Iscriviti

Cagnolino lasciato solo su un balcone pieno di rifiuti, senza acqua e cibo: salvato dalla Polizia Locale

L'episodio è accaduto nella mattinata del 13 aprile a Lecce, nella zona dell'ex ospedale Fazzi. Il cane è stato affidato ad una clinica veterinaria, mentre la padrona rischia una denuncia per i reati di maltrattamenti e abbandono di animali.

Natura e Animali
Pubblicato il 14 aprile 2021, alle ore 13:56

Mi piace
7
0
Cagnolino lasciato solo su un balcone pieno di rifiuti, senza acqua e cibo: salvato dalla Polizia Locale

Era da solo su un balcone pieno di rifiuti di ogni tipo, malnutrito, senza cibo e acqua. Un cagnolino meticcio è stato salvato dagli agenti della Polizia Locale di Lecce nella giornata del 13 aprile. In mattinata il comando dei Vigili Urbani ha ricevuto la segnalazione da alcuni cittadini, che affermavano di come, su un balcone, ci fosse un cane in evidente stato di sofferenza. A questo punto gli agenti si sono messi in moto, raggiungendo il luogo segnalato. Dopo una serie di ricognizioni effettuate dai terrazzi delle palazzine vicine, la Locale ha individuato il cane in questione. 

Immediatamente l’amico a quattro zampe è stato soccorso e portato via da quella che stava diventando una autentica prigione. L’animale non aveva da mangiare e, come già detto, viveva in precarie condizioni igienico-sanitarie. A questo punto gli agenti lo hanno prelevato e portato in una clinica veterinaria, dove è stato sottoposto a tutti gli accertamenti medici del caso. L’ispezione è avvenuta insieme al servizo veterinario dell’Asl di Lecce. Il cane si troverebbe ancora ricoverato nella clinica veterinaria. Il balcone si trova nelle pertinenze di un appartamento situato nella zona dell’ex ospedale Fazzi

La proprietaria rischia una denuncia

Il meticcio è stato sottoposto a sequestro giudiziario. Nel frattempo è stata rintracciata la sua proprietaria, di cui il cane era “ospite”. La donna rischia una denuncia penale per i reati di maltrattamenti e abbandono di animali. Il cagnolino, alla vista degli agenti, è apparso malnutrito e in un evidente stato di sottopeso, segno che non mangiava in maniera regolare. 

Quello dell’abbandono degli animali è un fenomeno che le autorità tengono sotto controllo ormai da diverso tempo. Sono molti gli epidodi del genere che si verificano ogni anno nel nostro Paese. Chi maltratta gli animali rischia la reclusione fino ad un anno e un’ammenda che può oscillare tra i 1.000 e i 10.000 euro, secondo quanto previsto dall’articolo 727 del Codice Penale

Nelle prossime ore si potranno sicuramente conoscere ulteriori particolari su questo episodio avvenuto a Lecce. Grazie alla tempestiva segnalazione dei cittadini la Polizia Locale e l’Asl di competenza hanno potuto salvare il fido, portandolo in un ambiente più confortevole, dove personale specializzato si prenderà cura di lui fino alla sua completa ripresa.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Federico Sanapo

Federico Sanapo - Grazie all'intervento dei Vigili Urbani e dei cittadini di Lecce questo piccolo cagnolino è stato salvato da morte certa. Rimanere in quello stato per lui sarebbe stato troppo pericoloso. Chi maltratta o abbandona animali è punito dalla legge e i reati contro gli animali sono tutti di natura penale. La proprietaria rischia grosso.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!